Mini-guida della Puglia: le chicche da non perdere

Nel corso dei mesi questo blog ha ospitato i guest post di molto amici che hanno parlato della loro terra, la Puglia.

Ho pensato quindi che sarebbe stato interessante creare una sorta di mini-guida con le chicche più belle di questa regione, dando voce a chi ci vive e la conosce!

Punta Mèliso a Leuca: la chicca di Luca Bove

Miniguida della Puglia: le chicche da non perdere

Un luogo assolutamente da non perdere durante un viaggio in Puglia è Punta Mèliso a Santa Maria di Leuca, laddove sorge il Santuario mariano ‘De finibus terrae’. Nel piazzale si innalzano i due principali monumenti simbolo del posto. Uno religioso, su una colonna altissima, con la madonna che vigila su  pellegrini e  turisti. L’altro, laico, che vigila e indica la costa ai naviganti.

Questo luogo emozionante e romantico è tutto proteso verso sud, verso il mezzogiorno e la luce (da cui il nome leucos che in greco significa luce), e molti sono convinti che qui vi sia la divisione del Mar Jonio dal Mar Adriatico (lungo il parallelo 39°47′ N). Secondo le carte nautiche il passaggio dal mar Jonio a quello Adriatico avviene più a Nord  a Punta Palascia nelle vicinanze di Otranto, secondo Meteomar invece il confine dei mari è al parallelo 40° 00′ N, nei pressi di Castro. Ma queste piccole diatribe non tolgono nulla al fascino del luogo che si apre su di un mare immenso e accecante. Sul lato della piazza, verso il porto vecchio sorge poi la scalinata a due rampe della cascata monumentale, ognuna con 300 gradini, costruita nel periodo fascista per festeggiare il completamento  dell’Acquedotto Pugliese.

Le Maldive del Salento: la chicca di Veronica Rizzo

Mini-guida della Puglia: le chicche da non perdere

Ho girato il Salento in lungo e largo, ma ciò che mi colpisce entusiasticamente ogni qualvolta lo visiti,  è senz’altro il tratto di costa soprannominato le Maldive del Salento, nella marina di Pescoluse. Il nome è un chiaro riferimento alle bellezze “in apparenza tropicali” del suo territorio.

Una spiaggia di incantevole bellezza dotata di stabilimento balneare, con lunghe distese di sabbia fine e dorata, protetta da alte dune e incorniciata da un alternarsi di canneti e acacie – una vegetazione spontanea che la separa dal resto del mondo!

Il mare, limpido e cristallino, vanta lunghi tratti di acqua bassa in prossimità della riva, che favoriscono la balneazione dei più piccoli. Un posto ideale per chi va in villeggiatura con l’intera famiglia. Un lido attrezzato con ombrelloni, sdraio e servizio bar garantisce una vacanza all’insegna del relax e del comfort.

La spiaggia di Punta Prosciutto: la chicca di Fabio Ingrosso

Miniguida della Puglia: le chicche da non perdere

Sono nato in Salento e la mia spiaggia da sempre è stata quella di Torre Lapillo, una spiaggia bianca, finissima e con la solita acqua cristallina. Appena diventato più grandicello e presa la patente ho iniziato a girare la zona come fanno tutti: macchina e tenda, alla scoperta di spiagge e calette una più bella delle altre. La mia top 5 delle spiagge è questa: Baia dei Turchi (Otranto), Torre Lapillo (Porto Cesareo), Torre San Giovanni (Ugento), Pescoluse (Salve), Torre Dell’Orso (Melendugno). Ad ognuna di esse associo momenti belli: Baia dei Turchi per il suo fascino che lo si percepisce già nel nome; Torre Lapillo per la mia infanzia, la mia famiglia e i miei amici; Torre San Giovanni per la macchia mediterranea; Pescoluse perchè sono le Maldive del Salento per cui non vedo l’ora di andare alle Maldive e fare il raffronto di persona; Torre dell’Orso per le notti senza fine di questo angolo jamaicano d’Europa. Ma ce n’è una che va al di là di queste, almeno per me: la spiaggia di Punta Prosciutto.

E’ la mia preferita, in assoluto. E’ una spiaggia indefinibile rispetto alle altre, è la più selvaggia senz’altro. Già la zona di per sè è selvaggia, alle vostre spalle avete il bosco di Arneo e voi siete nel mezzo di una zona di macchia mediterranea mischiata a zone umide con canneti e qualche abitazione immersa nel verde e nel giallo della vegetazione estiva. Perdete già un po’ il contatto con la classica zona marina turistica piena di servizi commerciali, ristoranti, bar. Niente di tutto ciò, bensì chilometri di spiaggia con pochi stabilimenti balneari, qualche supermercato vecchio stile, qualche bar. Pensate che neanche Salento in Bus arriva qui, il servizio di trasporto pubblico si ferma a Riva degli Angeli. Dopo viene Punta Prosciutto.

Addentratevi in una delle sue strade che portano al mare, parcheggiate la macchina dove potete e dirigetivi verso il mare. Prima di raggiungerlo, in alcuni casi, dovete superare dune di sabbia alte fino a otto metri, è un’emozione tutt’ora per me vedere il mare dall’alto della duna, sentire i profumi di quella vegetazione così selvaggia. La spiaggia è più imponente rispetto alle altre spiagge salentine, quando siete sulla sabbia siete soltanto voi tra le dune e il mare. Quest’ultimo è come sempre da queste parti: cristallino. Quando c’è vento di tramontana diventa un lago trasparente, caldo e soprattutto con meno gente rispetto alle altre spiagge più famose. E’ una destinazione ancora poco consciuta, secondo me, ve la suggerisco vivamente.

Vi do qualche indicazione pratica. Punta Prosciutto si trova a Porto Cesareo. Per chi viene da nord si trova subito dopo Torre Colimena. Per chi viene da sud subito dopo Torre Lapillo. Se arrivate da Lecce, prendete la direzione per Porto Cesareo, una volta giunti sul posto troverete la segnalateica per Punta Prosciutto. Se ci passate, fatemi sapere cosa ne pensate!

Mini-guida della Puglia: le chicche da non perdere ultima modifica: 2011-07-07T13:38:59+00:00 da Guest Post

NEWSLETTER

Iscriviti e ricevi una mail quando c'è qualcosa di nuovo!

* indicates required

Lascia un Commento

6 comments

  1. Francesca Turchi

    Ciao Lucio, ognuno dei ragazzi ha scritto un posto preferito della Puglia!
    Cos’è La Poesia a Roca? Dacci tu qualche altra informazione o luogo da visitare nel Salento! 😉

  2. Manca “La Poesia” a Roca! 😉

    -1
  3. Ciao Francesca, grazie per avermi ospitato! Quando sei in zona ti ospito io, avanzi un caffè 😉 A presto!

  4. Ah, dimenticavo, visto che il post è una mini-guida sulla Puglia, ci vorrebbe quacuno che parlasse del fantastico Gargano anche.

  5. Francesca Turchi

    Ciao Fabio, grazie a te per il tuo contributo! La spiaggia di Punta Prosciutto non la conoscevo proprio e sembra favolosa!!! Ovviamente se c’è qualcuno che volesse scrivere sul Gargano una integrazione alla miniguida della Puglia sarà doverosa!

  6. Elisa

    Da pugliese non posso che apprezzare una guida sulla Puglia! 😉