Questo weekend a Firenze finalmente ho assaggiato il famoso lampredotto, lo street food fiorentino per eccellenza che si acquista dal trippaio o dal lampredottaio: una vera tradizione culinaria tramandata fino a oggi. Se non sapete che cos’è il lampredotto ve lo dico in modo veloce e indolore: è una parte dello stomaco della mucca e va servito caldo.

Un tempo il lampredotto era considerato un tipico piatto povero della cucina fiorentina, il pasto degli operai e dei lavoratori. Oggi è una delle poche specialità fiorentine rimaste, una ghiottoneria da consumare in strada adorata sia dai fiorentini che dai turisti. Personalmente posso dirvi che non mi è dispiaciuto affatto anche se personalmente avrei preferito far togliere la cotenna (che per tradizione ovviamente non tolgono!).

A Firenze si possono trovare diversi trippai o lampredottai che con il loro chiosco (quindi senza tavolini, si mangia in piedi!) vendono non solo il lampredotto ma anche trippa, lesso, lingua, guancia, bollito e porchetta. Il lampredotto può essere mangiato dentro il panino ben bagnato nel brodo di cottura e condito con sale, pepe, salsa verde e – se si vuole – olio piccante, oppure in vaschetta: in zimino, ovvero in umido con la bietola, con i fagioli all’uccelletto, alla puttanesca e in tanti altri modi.

lampredotto Firenze

Io sono stata dal trippaio alla Loggia del Porcellino al Mercato Nuovo, che in moltissimi mi avevano suggerito come uno dei più buoni di Firenze. Un panino con lampredotto (come quello che ho assaggiato io) costa 3.50 euro ed è un buon pranzo, accompagnato anche da un bicchiere di vino rosso a solo 1 euro! Con meno di 5 euro quindi si può mangiare, altrimenti con un paio di euro in più è possibile ordinare il lampredotto in vaschetta a 5.50 euro, la vaschetta di trippa sempre a 5.50 euro e lampredotto e trippa a 10 euro al chilo.

lampredotto Firenze

Oltre al trippaio del Porcellino uno dei lampredottai più rinomati e storici di Firenze so essere quello in Via de’ Macci, il trippaio in Sant’Ambrogio, che non mancherò di provare la prossima volta che andrò a Firenze. Altri trippai che mi hanno consigliato di provare (dopo i due elencati) sono Nerbone, il lampredottaio all’interno del Mercato Centrale di San LorenzoL’Antico Trippaio in via di Cimatori e I’ trippaio fiorentino in via Gioberti.

Il miglior lampredotto di Firenze? Per adesso ho provato solo quello del Porcellino quindi non saprei dirvelo, ma mi rifarò!
Un’informazione utile però so darvela: i trippai sono aperti tutti i giorni dalla mattina fino verso le ore 19, e sono chiusi la domenica.

Se qualche fiorentino ha dei consigli da darci su dove mangiare un buon lampredotto a Firenze… 😉


Lampredotto a Firenze, dove mangiarlo ultima modifica: 2013-01-28T14:40:02+00:00 da Francesca Turchi

Perché non leggi anche...

NEWSLETTER

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email per ricevere i miei consigli di viaggio per organizzare al meglio le tue vacanze in Italia, in Europa e nel mondo.

Lascia un Commento

9 comments

  1. anche da mario a porta romana

  2. da orazio al porcellino

  3. Simone

    Anche il trippaio del Galluzzo ha un buon lampredotto secondo me

  4. Lino

    il Lampredotto lo si può anche mangiare alla trattoria “al Tranvai” dove fanno tutte le pietanze antiche di Firenze…

    da provare assolutamente 🙂

    Al Tranvai S. A. S. – Trattoria

    Piazza Torquato Tasso, 14r, 50124 Firenze

  5. Francesca Turchi

    Grazie per i tuoi tips Christian! 😉

  6. Per lampredotto e bollito misto (favoloso), devi provare assolutamente anche Mario Albergucci a Porta Romana. Purtroppo Mario è chiuso sia sabato che domenica.

  7. Andrea

    Non è Firenze, ma a Pistoia hanno aperto un ristorantino che, per chi ama le frattaglie, diventerà sicuramente una tappa fissa. Le Zie del Lampredotto.Via 4 Novembre 45,zona Arca, Vicinissimo alla Stazione. Lampredotto o buodelculare(così ribattezzato affettuosamente da mia nonna,perchè è appunto l’ ultima parte commestibile prima del ….)in almeno sei versioni, Animelle, Rognoni e Carcerato, Fegato e cipolle in umido, Trippa e Zampa, Lingua e nervetti di vitello, Musetto ecc. ecc. Il tutto accompagnato da ottimi vini, contorni abbondanti e dolci casalinghi(tra cui i migliori migliacci che abbia mai assaggiato)
    Una dritta, il lampredotto non ha cotenna

  8. Francesca Turchi

    Ciao Francesca, grazie per il tuo suggerimento! Quando torno a Firenze la lista dei lampredottai da provare è lunga… 😀

  9. Ciao!!
    Ho letto con interesse il tuo post e sono assolutamente d’accordo con i suggerimenti che hai dato, tutti ottimi sia per qualità che per convenienza!
    Ma secondo me c’è un altro panino a Firenze che merita di essere citato e assaggiato…. Quello del Cernacchino in Via della Condotta, a due passi da piazza Signoria…. Un panino al lampredotto da leccarsi i baffi… E se poi volete fare il bis non vi lasciare scappare il loro panino con porchetta, senape e pomodori… Delizioso!!
    Buon appetito :-))
    Francesca ( guida autorizzata e amante di Firenze)