A fine novembre sono andato a fare un viaggio a Liverpool dopo aver vinto il concorso dell’Hotel Base2stay che ha offerto 1 notte ad 1 £ per un totale di 15 camere ai fan della propria pagina Facebook. Un’occasione ottima per andare alla scoperta della città, non trovate? 🙂

Cosa sapere prima di partire per Liverpool

Vivo a Bergamo e dall’aeroporto cittadino (quello che tutti i non-bergamaschi chiamano “Milano Orio al Serio”) c’è un volo di Ryanair per Liverpool. Sfortunatamente questo volo viene effettuato solo nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì e capite bene che fare una capatina di due giorni a Liverpool con questa soluzione non era conveniente! Un’altra possibilità era impostando il viaggio di ritorno su Malpensa, transitando però da Madrid con EasyJet!!! Conclusione: ho preferito prenotare un volo a/r Milano Orio al Serio – Liverpool con partenza lunedì pomeriggio e rientro mercoledì sera, tre giorni in totale.

Per la seconda notte ho cercato un altro hotel a Liverpool per rimanere in un budget ridotto: il Base2stay infatti è un hotel 4 stelle e ha dei prezzi medio-alti. Su Booking sono incappato nell’Hatters Hostel, che mi ha offerto al prezzo di 45 sterline una camera privata per due persone con colazione a buffet inclusa.

Quindi ho confermato tutti gli hotel, ho recuperato la guida Lonely Planet dell’Inghilterra (l’EDT non ne ha una specifica su Liverpool e altre non ne ho trovate), il materiale dal sito Visit Liverpool, ho messo tutto in valigia e sono partito.

Come arrivare e come muoversi a Liverpool

All’aeroporto di Liverpool ci sono diversi autobus che portano in centro, destinazione Albert Dock. Una soluzione è prendere il bus diretto, il n°500, che fa pochissime fermate e costa 2.80 £ a corsa. Altra soluzione, che ho sperimentato al ritorno e se tornassi indietro prenderei anche all’andata, è il bus 86A: a due piani, più lento, arriva comunque nel centro di Liverpool attraversando però l’affascinante periferia operaia della città. E costa anche meno: 1.70 £ a corsa.

Vi suggerisco di non scervellarvi a capire come funziona il biglietto giornaliero degli autobus o la carta del turista – che per altro mi è sembrata piuttosto cara – perché secondo me a Liverpool l’autobus deve servire solo per il trasbordo da e per l’aeroporto o in caso di assoluto freddo. La città si può girare benissimo a piedi: anzi lo suggerisco, proprio per scoprirla meglio!

Hotel e colazione al Base2stay

Base2stay hotel, LiverpoolArrivato alla stazione degli autobus di Liverpool mi sono diretto subito all’hotel Base2stay, in Seel St, a circa 500 metri da lì. Da fuori mi ha colpito per la sua struttura con mattoni a vista, architettura tipica dell’Inghilterra lavorativa. Entrando si nota subito che invece è nuovissimo: l’hotel Base2stay, infatti, ha aperto a fine luglio 2010. Sembra un po’ come stare in un negozio Apple: nella hall ci sono banconi grandi, color faggio, poltrone nere di pelle, muri bianchi con quadri etnici. Ha insomma uno stile moderno e minimalista.

Io ho alloggiato in una camera doppia standard e devo dire che era davvero ben accessoriata. Bagno spazioso, con doccione e tutti gli accessori. Letto confortevole, con tantissimi cuscini. Scrivania e armadio comodi, anche se forse il tutto nella versione standard è un po’ concentrato in poco spazio. Però quando si scoprono le sorprese non ci si fa più caso. Quali sono? Aprendo un armadio troverete stoviglie, bicchieri e posate con annesso un bollitore e un lavandino. Non ho capito perché non hanno messo un fornelletto, ma tant’è! In compenso c’è un frigorifero. Poi non rimarrete mai isolati dal mondo perché in camera c’è sia la connessione wi-fi che lan e persino una presa della corrente europea! Fiore all’occhiello della multimedialità della camera è la tv: gestibile con una tastiera wireless, permette di navigare anche su Internet e ascoltare musica gratis!

breakfast in LiverpoolL’hotel però non offre colazione e quindi bisogna farla fuori. Essendo l’hotel in una posizione centralissima è facile trovare ottimi bar. Ve ne consiglio due su Bold Street: il Brew e il Bold, che offre menù con le acque Vitaminic (una costante presenza nei miei viaggi inglesi!!!). In quella zona di Liverpool potete trovare una english breakfast per massimo 5 pounds, ma se non vi va prendetevi un cappuccino large e farete la stessa faccia che ho fatto io! Insieme ovviamente ad una tea cake, biscottone spalmabile di burro e marmellata!

La seconda notte a Liverpool, invece, l’ho passata all’Hatters Hostel, all’inizio di Mount Pleasant.

Prima di arrivarci pensavo di passare dalle stelle alle stalle e invece non è stato così. All’Hatters Hostel ho pernottato in camera doppia: il bagno era grande e pulito, letto comodo e c’era anche la tv in camera, che però non funzionava! 🙁 Una grossa pecca, insieme alla mancanza del wi-fi! Ci si poteva però connettere ad Internet a 2 £ all’ora usufruendo delle loro postazioni. Nonostante ciò consiglierei questo ostello a Liverpool a chi vuole viaggiare spendendo poco o in gruppo perché offre tanti spazi comuni: oltre alla sala colazione c’è anche una sala con biliardo e tante altre salette. L’ambiente poi è molto giovanile e alla reception sono davvero molto disponibili. Inoltre all’Hatters la colazione a buffet è inclusa nel prezzo: basic, internazionale ma soddisfacente! L’ostello si trova più a nord rispetto al Base2stay, ma non è in una zona periferica: sfiora soltanto la zona universitaria e anche da lì è facile raggiungere le principali attrazioni della città.

Cosa vedere a Liverpool

Beatles story, LiverpoolVeniamo quindi alle attrazioni!!! Suggerisco a chi di voi andrà a Liverpool di iniziare il proprio tour partendo dalla stazione degli autobus.

Albert Dock e musei: attraversata la strada ci si trova di fronte a questo affascinante quadrilatero di vecchi magazzini marittimi dove ora sono concentrati tanti musei e locali. Vi consiglio di andare subito alla Tate Modern, succursale di quella di Londra, dove gratuitamente potrete vedere tante sculture e quadri di arte contemporanea. Lì vicino c’è anche il Museo Marittimo e quello dedicato alla schiavitù. Nel complesso troverete anche il museo più importante di Liverpool: il Beatles Story, dove grazie ad installazioni e video potrete rivivere la storia dei Beatles. Sappiate però che una visita al suo interno è molto  impegnativa, richiede almeno due ore.

Tra i negozi di Liverpool vi consiglio il Fab4store con tantissimi gadget dei Beatles… e quello di caramelle! Camminando potete anche fermarvi in uno dei grandissimi bar o pub del complesso: offrono spuntini o colazioni a prezzi più abbordabili di quelli del centro, ne val la pena! Lì vicino trovate il complesso dell’Arena, dove fanno concerti di musica moderna, e il Liverpool Eye: non ve lo consiglio perché ci sono altri posti da cui ammirare dall’alto la città!

Zona Unesco: risalendo lungo il mare si possono ammirare i grandi edifici del Pier Head, andando in Water St fino alla Town Hall, purtroppo scurita dallo smog. E poi su per Dale St fino ad arrivare a Lime St dove si trovano palazzi tipicamente vittoriani, sedi di uffici della difesa. Se potete vi consiglio di entrare nella George’s Hall che ha uno stupendo salone. Lì in zona potete anche trovare la Walker Gallery con tantissimi quadri vittoriani e di artisti locali.

The Cavern, LiverpoolZona shopping: riscendete verso il centro e addentratevi tra le immense vie del Liverpool One, come Whitechapel e Church St: rimarrete sconvolti dalla quantità di negozi! Liverpool infatti ha puntato molto sull’aspetto commerciale ed è un paradiso per gli appassionati di shopping. Troverete soprattutto negozi di marche internazionali e grandi catene. Se quello è un centro commerciale a cielo aperto ne troverete altri al chiuso come il Met Quarter per marchi di qualità, il Cayton Square Shopping Center e il Cavern Walk. Vi suggerisco però di non addentrarvi lì se non per riscaldarvi, se girate d’inverno: i negozi sono o troppo cari o troppo banali!

Zona Beatles: piuttosto di passare molto tempo nella zona commerciale di Liverpool buttatevi in Mathew St per sentire il clima dei Beatles. Lì in zona infatti c’è il locale storico dove suonava la band, intorno al quale sono nati negozi e hotel di lusso. Si chiama The Cavern e dovete entrarci! Rimarrete stupiti da quanto è piccolo e sotterraneo. Su ogni mattone a vista dei muri troverete una scritta: sono tutti i pensieri dei fan dei Beatles. Lì, a differenza di altre zone dove John Lennon sembra un profeta del merchandasing, si sente davvero l’odore della generazione che ha scritto canzoni memorabili.

Cattedrali di Liverpool: partite dalla Metropolitan. Da lontano può sembrare un centro di trasmissione telefonico, ma da dentro vi stupirà per la sua grandezza, la sua struttura circolare e il bel lampadario. Usciti percorrete Hope St, la via dei locali alla moda e dei ristoranti raffinati. In fondo troverete l’altra cattedrale, quella ufficiale di Liverpool: ha uno stile molto gotico. Da dentro colpisce per la sua navata immensa e per le tante cappellette. Potete anche salire sulla torre: all’inizio delle scale c’è un monitor con le immagini del panorama visto dall’alto. Comodo per capire se conviene o no salire in quel momento.

China Town, LiverpoolChina Town: usciti dalla cattedrale di Liverpool addentratevi nella vicina zona cinese, con la più grande e affascinante porta cinese d’Europa! Lì intorno troverete anche Duke St: apparentemente non vi dirà molto, ma guardate bene i palazzi. Hanno tantissima storia e sono patrimonio dell’Unesco: riservano anche delle belle sorprese. Lì in fondo troverete poi il più famoso birrificio della città.

Dove bere e mangiare

Suggerirvi un pub in particolare in cui fare una bevuta a Liverpool mi viene difficile dato che ce ne sono tantissimi. Quindi fate un bel tour, partendo dal quartiere cinese di Fleet St e Wood St fino ad arrivare nella zona georgiana di Hope St!

Per mangiare andate tranquillamente in un pub, non impazzite a cercare un ristorante! Tutti i locali cucinano bene il tipico Fish & Chips e alcuni vi offrono anche le pie salate inglesi! Se proprio ne volete uno raffinato puntate su quelli di Hope St o sull’Alma de Cuba di Seel St. Altrimenti troverete ristoranti cinesi nel quartiere loro o altri più commerciali nel Liverpool One.

Proprio a Liverpool One vi suggerisco il Red Buffet, un ristorante a prezzo fisso con 130 piatti di nazionalità diverse: la qualità non è delle più eccelse, ma a prezzo fisso avrete tantissima scelta e anche alcuni piatti preparati sotto i vostri occhi. Invece se siete di corsa o al risparmio potete buttarvi in un Tesco e prendete un menù con tramezzino o pasta già pronta, bibita e patatine a 2 £!

Guest post di Davide Vitali

Miniguida di Liverpool ultima modifica: 2010-12-24T13:45:11+00:00 da Guest Post

NEWSLETTER

Iscriviti e ricevi una mail quando c'è qualcosa di nuovo!

* indicates required

Lascia un Commento

10 comments

  1. Luca

    Questo articolo e fatto veramente bene. Chi l’ha scritto fa veramente venire voglia d’andare a Liverpool.
    Complimenti a Davide

  2. Eh già, Davide ha davvero reso bene l’idea e ha messo anche a me una gran voglia e curiosità di fare un viaggetto a Liverpool!

  3. Luana

    bell’articolo..mi piace!
    Devo per forza andarci a Liverpool prima o poi! 🙂
    ps.Grazie ancora per la borsa! 😉

  4. maria

    molto preciso quest’articolo..bravo davide

  5. Monica

    Bravo Davide!
    Sì, adesso ho voglia anch’io di andare a Liverpool!
    PS: ma quante cose sie riuscito a vedere in 3 giorni!! Mitico!! 🙂

  6. Elena

    Complimenti a Davide! Mi hai davvero messo voglia di fare una capatina a Liverpool! Articolo già inserito tra i miei “preferiti”! 🙂

  7. Domenico

    Grazie Davide, e complimenti!
    Andrò un paio di giorni a Liverpool il mese prossimo e queste info mi saranno di certo utilissime!!!

  8. Chiara

    Ciao Davide, complimenti per il tuo articolo.. volevo chiederti il museo dei beatles quanto viene ? grazie !

  9. Davide

    Ciao Chiara e grazie a tutti quelli che hanno letto questa mia mini-guida di Liverpool!
    Il costo del biglietto per entrare al museo dei Beatles è sulle 13 sterline: se sei lì e hai tre ore di tempo per visitarlo in tutte le sue sezioni, ne vale la pena!

  10. Livio

    L’hatters è veramente fantastico… ci ho passato tre settimane e vi posso garantire la massima disponibilità! E’ come stare a casa: camere ottime, le tv solitamente funzionano (è solo un problema di telecomando), laundry room a solo 1 pound e poi tanta gente in continuazione (irladesi, tedeschi, francesi, mancano gli italiani e questo è un bene per il vostro inglese). Per quanto riguarda liverpool by night poi non DOVETE perdervi Concert Square (mai stato in un posto come quello) si balla forte, la musica è qualcosa che fa impazzire ed i locali MODO ENVI HEEBY JEEBY sono tutti fantastici ed economici. Liverpool is the place where i lost my heart: trust me!!!