Cosa vedere a Stoccolma in 3 giorni (se è la prima volta)

Tra una decina di giorni partirò per Stoccolma grazie al blog tour organizzato da Visit Sweden, l’ente del turismo svedese.

Il mio viaggio, di un paio di giorni, ovviamente non mi consentirà di scoprire tutte le principali attrazioni della città, ma Visit Sweden mi ha girato così tanto materiale con tante informazioni su itinerari, cose da fare e luoghi in cui mangiare le specialità tipiche svedesi che ho deciso di condividerle con voi. Spero quindi che tutto quello che segue vi possa essere di aiuto durante il vostro viaggio a Stoccolma, e che io stessa in futuro possa beneficiarne in prima persona.

Partiamo con un itinerario di 3 giorni a Stoccolma pensato per chi non l’ha ancora mai visitata!

1° Giorno

La visita della città può partire dalla Città Vecchia (Gamla stan) dove è possibile visitare il Palazzo Reale, il Duomo Storkyrkan, Riddarkyrkan, i negozi della via Västerlånggatan e Öster Långgatan piene di souvenir e oggettistica di design e artigianato svedese (il consiglio è di andare da Kerstin Adolphson, in Västerlånggatan 40), e ancora magliette/maglioni scandinavi, ciabatte svedesi di legno “träskor” con tanti disegni dipinti a mano. E poi perché non concedersi una gita in battello sotto i ponti di Stoccolma? In alternativa una visita al Nationalmuseum, che si trova accanto alla partenza dei battelli.

Per pranzo Visit Sweden mi consiglia di entrare nel caffè Grillska huset, in Stortorget 3 nella Città Vecchia, oppure in uno dei tanti altri caffè e ristorantini nella zona, mentre per cena da Gyldene Freden, in Österlånggatan 51, uno dei ristoranti più antichi della città situato in una cantina medievale della Città Vecchia. La giornata si può concludere in un bel locale con vista panoramica sulla città, il bar Gondolen, sopra la chiusa Slussen in Stadsgården 6 (a 5 min a piedi da Gyldene Freden) oppure, per chi ama la live music, il Södra teatern, in Mosebacke torg 1-3.

2° Giorno

Uscendo dal centro città si può visitare l’isola di Djurgården che fa parte del Parco Nazionale urbano Ekoparken, cominciando il tour proprio con la visita di Skansen, il museo all’aperto. Accanto a Skansen è possibile fermarsi per pranzo, presso il caffè del giardino di Rosendal, dove si ha la possibilità di mangiare dentro alla serra, all’aperto nel cortile o sotto il meleto.

Da Rosendal si può poi camminare lungo il canale Djurgårdskanalen fino al Museo Vasa. E per chi ama le favole di Astrid Lindgren segnatevi questo posto: Junibacken, situato a fianco della Vasa.

Per la serata il consiglio è quello di mangiare a Villa Godthem sul canale Djurgårdskanalen, in Rosendalsvägen 9 e dopo cena tornare nella city (raggiungibile in circa 7 min di tram dal ristorante) ed entrare da Berns, in Berzelii park.

3° Giorno

Durante l’ultimo giorno a Stoccolma possiamo fare una visita guidata del Municipio e poi darci alla pazza gioia facendo un po’ di sano shopping pre-partenza. Per gli acquisti il posto in cui recarsi è Drottninggatan, la via pedonale più lunga di Stoccolma.

Per pranzo stavolta niente bar o ristoranti: andiamocene invece nel bellissimo mercato al coperto Östermalmshallen, in Östermalmstorg. Questo mercato della fine dell’800 offre un ristorante, Gerdas, le cui specialità sono il pesce e i frutti di mare!

Allontanandoci un po’ dal centro di Stoccolma possiamo visitare Södermalm, la parte sud della città. Qui è possibile visitare la Fotografiska che si trova sul lungomare sotto Fjällgatan, punto panoramico della città, e poi camminare tra le vecchie case di legno nei quartieri sottostanti.

Lungo la via Götgatan che attraversa Södermalm ci sono numerosi negozi nei quali poter entrare e fare qualche acquisto: due consigli se si è in cerca di oggettistica e artigianato artistico sono Designtorget, in Götgatan 31, e Konsthantverkarna, in Södermalmstorg 4. Mentre dovete entrare assolutamente da Blås & Knåda, in Hornsgatan 26A, se siete alla ricerca di artigianato in vetro e ceramica.

Per cena non si può non mancare di visitare, e mangiare, nella birreria più antica della città, Kvarnen, in Tjärhovsgatan 4. Sempre a Södermalm si trova un bar molto carino, il Pet Sounds bar, in Skånegatan 80, nel quale è possibile concludere la serata, e il vostro viaggio!

Grazie a VisitSweden per tutte queste preziose informazioni su cosa vedere la prima volta a Stoccolma.

Cosa vedere a Stoccolma in 3 giorni (se è la prima volta) ultima modifica: 2012-10-04T14:43:52+00:00 da Francesca Turchi

NEWSLETTER

Iscriviti e ricevi una mail quando c'è qualcosa di nuovo!

* indicates required

Dai un'occhiata anche qui!

Prenota i biglietti per le migliori attrazioni del mondo

Lascia un Commento

13 comments

  1. Il museo nazionale è molto bello… ma secondo me l’Historiska Museet è mille volte più interessante per capire l’essenza di Stoccolma e della Svezia.
    Si trova a pochi minuti a piedi dal museo Nazionale e fa sempre parte del circuito della Stockholm card. E’ fantastico.

    -1
  2. Francesca Turchi

    Grazie per il consiglio Giovy! Se hai altre dritte da darmi(ci) sono ben accette! Io sto ancora valutando come riempire la mia giornata della domenica durante la quale avrò tutta la mattina a disposizione. Quindi più consigli ricevo, più possibilità ho tra le quali poter scegliere 😀

  3. WYW

    Lo skansen è molto bello e divertente!
    Noi abbiamo visitato l’isola di Björkö o Birka. è un’antico insediamento svedese.
    Per raggiungerla devi prendere una piccola imbarcazione che parte dal porto vicino al municipio.
    Goditi Stoccolma che è molto bella! Basta allontanarsi di poco dalla città per godere di magnifici paesaggi.

  4. Francesca Turchi

    Grazie per il commento e per i tuoi suggerimenti WYW! 🙂

  5. Ciao non dimenticare di visitare il Museo Vasa che è vicinissimo alla Skansen. E poi se vuoi delle viste panoramiche bellissime cerca la Monteliusvägen e Fjällgatan dove c’è un ristorante vegetariano, Hermans. altre a questo ti consiglio di buttare un occhio anche in un ristorante vichingo in västerlånggatan,a gamla stan, si chiama AIFUR.

  6. Francesca Turchi

    Gtazie mille per i tuoi consigli Leonardo, e grazie per esser passato di qui!

  7. Stoccolma è una splendida città… io la trovo molto interessante anche in occasione del Capodanno, specialmente per chi è alla ricerca di una meta affascinante e romantica (magari per un viaggio di coppia). Che ne dici? 😉

    Un saluto

    Stefano

    -1
  8. Francesca Turchi

    Ciao Stefano, l’idea di visitare Stoccolma durante il periodo natalizio è molto allettante! La prenderò senz’altro in considerazione 😉

  9. Elena

    Ciao Francesca,
    sono stata a Stoccolma due volte negli ultimi 4 anni.. la prima volta a dicembre, la seconda lo scorso agosto..Un solo aggettivo per Stoccolma… STUPENDA!
    Oltre a quello che segnalato tu, mi sentire di consigliarti Drottingholm Castle (sembra lontano, ma non ci si impiega assolutamente tanto per arrivare). Confermo la bellezza del Museo Vasa e di Skansen o un bel giro dei canali. Molte bella la vista sulla chiusa di Slussen dall’alto del Katarina Hissen (che, diciamocelo, da vedere in se per sè è bruttarello come ascensore… :D)
    Deludente, per me, è stato il Museo dei Nobel.
    Il mercato è carino, ma più piccolo di quanto immaginassi…
    Scusa lo sproloquio…
    Buon viaggio!
    P.S.Ottime le varie carte turistiche per risparmiare sulle entrate.

  10. Francesca Turchi

    Grazie per esser passata di qui e per i tuoi consigli Elena! Tra 10 giorni andrò per la prima volta a Stoccolma e seguirò un tour organizzato, ma conto di tornarci nuovamente in modo da poter visitare tutto il resto!
    E tutti i suggerimenti su posti e cose da fare che mi state dando mi saranno senz’altro di aiuto! 🙂

  11. 10 punti per l’annotazione di Astrid Lindgren! … che a parlare di Stoccolma viene magari più immediato pensare a Stieg Larsson – o al Jonas Jonasson del centenario che saltò dalla finestra – ma c’è anche lei 🙂

  12. Hai proprio ragione Elisa, W Pippi! 🙂 Stieg Larsson in effetti negli ultimi anni è l’associazione più frequente che anche io sento fare quando si parla di Stoccolma, e sul blog ho comunque voluto parlarne per tutti gli appassionati della Millennium Trilogy con questo articolo scritto da una mia cara amica che vive laggiù. Ma c’è anche Astrid Lindgren ed è sempre bene ricordarlo 🙂 Grazie per esser passata di qui, e a presto!

  13. Ciao Francesca,
    sai che mi ero persa il tuo commento? Nel frattempo ho potuto leggere anche il post dedicato alla Millennium Trilogy. E dunque, ecco la “nostra” Stoccolma: il Nobel, Pippi, Stieg Larsson, e un cibo e un popolo molto diverso da noi e parecchio affascinante. Un caro saluto!