Egitto e Mar Rosso: cosa sapere prima di partire

6 cose da sapere prima di andare in Egitto e Mar Rosso

Capita spesso che prima di partire per una vacanza in Egitto o sul Mar Rosso si abbiano dei dubbi o non si sappiano alcune cose che invece sono fondamentali, o comunque utili da conoscere in anticipo. Dato che sono appena tornata da una settimana itinerante tra Marsa Matrouh, Hurghada, Al Quseir, Berenice e Marsa Alam ecco una lista di consigli e informazioni su cosa sapere prima della partenza.

egitto

1. Viaggiare in Egitto e sul Mar Rosso è pericoloso?

Alla data attuale andare in Egitto è sicuro, ad eccezione fatta per la zona del Sinai.
Io sono rientrata da pochi giorni e ho avuto modo di andare in varie località, tra cui Marsa Matrouh, situata a nord. Non ci sono rischi, ve lo garantisco. E se andate sul Mar Rosso potete stare ancor più sicuri! Pensate inoltre che nei villaggi in cui ho soggiornato vengono organizzate delle escursioni anche ad Alessandria d’Egitto, al Cairo e a Luxor!

2. Visto

Per entrare in Egitto serve un visto turistico. Dal 1° maggio 2014 il Governo Egiziano ha aumentato i costi del visto da pagare in aeroporto che passa da 15 a 20 dollari (per i viaggi di gruppo con i tour operator i costi sono più alti, ad esempio con Phone&Go sono 55 euro, in cui è compresa anche la spesa del transfer da/per hotel/aeroporto).
Ricordatevi di portare il vostro passaporto oppure la carta di identità con 2 fototessere.

3. Cambio valuta

In Egitto la valuta locale sono le lire o sterline egiziane (10 EGP = 1 Euro).
Tuttavia potete partire con i vostri euro ed effettuare le varie spese pagando senza fare il cambio. Villaggi, negozi, ristoranti e locali accettano la nostra moneta, ma ovviamente arrotonderanno in eccesso a proprio favore. Quindi il consiglio è il seguente: se dovete fare solo pochi acquisti (diciamo sotto le 100 euro) non fate il change, in alternativa cambiate gli euro in lire egiziane e pagate con quelle.

4. Fuso orario

In Egitto il fuso orario è GMT+2, mentre in Italia è GMT+1: quindi sono un’ora avanti.
Tuttavia questo non è vero nei mesi in cui in Italia è in vigore l’ora legale: in questi mesi – da aprile a ottobre – l’ora è la medesima in Egitto e Italia.

5. Internet e telefonate in Italia

Solitamente nei villaggi si trova il wifi ma non è mai gratuito: se decidete di acquistare dei pacchetti minuti o Gb sappiate che probabilemnte potrete navigare sono alla Reception e che la connessione il più delle volte sarà lenta. I costi variano da villaggio a villaggio ma indicativamente si va dai 10 euro per 500Mb a 20 euro per l’intera settimana, che ovviamente conviene.
La cosa migliore per navigare su internet in Egitto è comprare una SIM egiziana: la mia, comprata in villaggio a Hurghada, era da 3Gb e costava 15€ (solo internet). Ma ci sono anche quelle internet + chiamate.
Ancora meglio sarebbe, se avete modo di uscire dal villaggio, anche durante un’escursione, acquistare la sim nei negozi Vodafone, Mobinil o EtSalat nei quali i costi sono molto più bassi: dentro ai villaggi ovviamente tutto costa di più!

6. Clima

Il periodo migliore per andare in vacanza in Egitto o Mar Rosso è da maggio a luglio o a settembre.
A inizio maggio, quando sono andata io, a Marsa Matrouh (in Egitto, sul Mediterraneo) le temperature erano ancora un po’ basse anche se al sole si stava benissimo! Diciamo che di giorno c’erano circa 30°C ma la sera faceva freschino.
Sul Mar Rosso, invece, sarà per quella sua brezza piacevole ma si stava divinamente sia di giorno sia la sera. Qui, sempre a inizi maggio, l’ideale è scendere in spiaggia già al mattino presto: alle 7 fa già caldo e si sta da Dio. Il pomeriggio, calando il sole verso le ore 17.30, non è il momento ideale per abbronzarsi se non subito dopo ora di pranzo per un’oretta.

Da ultimo mi raccomando su tre cose:

  • in caso di problemi intestinali portatevi una bella scorta di antinfiammatori: Imodium, Enterogermina,… meglio uno in più che uno in meno.
  • non bevete l’acqua del rubinetto o bibite con ghiaccio
  • copritevi bene quando entrate e uscite dai locali (ad es. ristorante o reception del villaggio): dentro ci sono 20 gradi, fuori 35! Potreste rischiare febbre o problemi intestinali.

TI È PIACIUTO QUESTO POST?

Se hai dubbi o curiosità puoi lasciarmi un commento qui sotto o puoi lasciarmi un messaggio sul mio profilo Instagram o sulla mia pagina Facebook. Ti risponderò al più presto!

Francesca Turchihttps://www.travelstales.it/
Travel Blogger, Social Media Strategist, Web Content Writer & much more since 2009.
Travel Blogger, Social Media Strategist, Web Content Writer & much more since 2009.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.