Tuttomondo: il murales di Keith Haring a Pisa [figura per figura]

A Pisa, sulla parete della Chiesa di Sant’Antonio, si trova l’ultima opera pubblica realizzata da Keith Haring prima della sua morte: il murales Tuttomondo.

Il murale TUTTOMONDO è un inno alla vita e alla felicità nel mondo ed è nato dall’incontro tra l’artista e uno studente pisano a New York. Invitato a Pisa nel 1989, Keith rimase talmente impressionato dalla vitalità e dai colori cittadini, soprattutto i colori pastello del quartiere di Sant’Antonio – uno dei più colpiti dalla guerra – tanto da voler realizzare un’opera diventata poi il simbolo della rinascita di Pisa negli anni ’90.

Alla realizzazione del murales parteciparono tutti: esperti, studenti, curiosi, bambini e frati. Il comune di Pisa (Granchi) e la Caparol Center fornirono tutti gli elementi necessari per la realizzazione del murale: permessi, colori e mano d’opera. Così da un muro bianco cominciarono a nascere le innumerevoli figure che compongono il piccolo mondo di Keith Haring.

Il murales Tuttomondo si trova nel centro di Pisa, sulla parete esterna del convento di Sant’Antonio abate, tra Piazza Vittorio Emanuele e l’inizio di Corso Italia: occupa una superficie di 180 mq ed è composto da 30 figure concatenate tra loro che rappresentano la pace e l’armonia del mondo. Ogni personaggio è raffigurato in una posa particolare, del tutto simbolica.

Keith Haring parte dal contorno nero delle figure, una linea continua e senza interruzioni. Il contorno è fondamentale per contenere il colore, che per l’artista rappresenta il sangue, la linfa vitale. Senza quello il colore scapperebbe via e le figure perderebbero la loro vitalità, la loro energia. Poi, ispirato ai colori degli edifici dei lungarni pisani, chiari e sulle tonalità del giallo ocra e dell’azzurro, Haring comincia il riempimento.

Il messaggio di pace è espresso da tutti i personaggi:

  • gli animali antropomorfizzati, simbolo della cura dell’uomo per la natura (uccello=libertà, delfino=l’acqua, scimmia=istinto, cane=fedeltà);
  • le 3 razze del mondo, una dentro l’altra mentre tengono in mano un cuore, attaccate dal serpente del male e protette da forbici umanizzate (l’uomo salva l’uomo dal razzismo);

  • il ciclo interminabile della vita rappresentato da un uomo il cui braccio entra nel corpo e si unisce, come un otto (o il simbolo dell’infinito), alla sua gamba;
  • la croce pisana, rappresentata dalle quattro figure unite al centro;
  • una donna con in braccio un bambino, simbolo della maternità;
  • la televisione, simbolo positivo di apertura verso il mondo, se ben utilizzata;
  • l’uomo scala, simbolo di ambizione e elemento danzante;
  • il lavoro umano, rappresentato dalla mano con 5 uomini.

Tutte le figure ballano al ritmo della musica africana, rappresentata dalle piccole linee nere vibranti e di bastoni gialli agitati dal cane e dall’uomo che sostiene il delfino.

Infine Keith Haring ha rappresentato se stesso dentro del dipinto, in basso, in posizione di fuga: l’uomo giallo al centro che una volta terminato il lavoro esce di scena estromettendosi dal murales.

L’artista pop statunitense morirà l’anno successivo, nel 1990, per AIDS.

Nel 2010 Pisa ha reso omaggio a Keith Haring con un evento celebrativo dinnanzi al murales Tuttomondo per ricordare l’artista a 20 anni esatti dalla sua scomparsa, il 16 Febbraio.

Per tutte le info sul Tuttomondo ringrazio Alessandro Bargagna di City Grand Tour. Se vi trovate a Pisa e cercate una guida turistica per visitare la città, ve lo raccomando!

 

Tuttomondo: il murales di Keith Haring a Pisa [figura per figura] ultima modifica: 2012-09-21T18:36:46+00:00 da Francesca Turchi

NEWSLETTER

Iscriviti e ricevi una mail quando c'è qualcosa di nuovo!

* indicates required

Lascia un Commento

10 comments

  1. Molto molto interessante! E’ bella l’arte di Keith Haring, piena di messaggi positivi… E avere qualcuno che te li spiega e te li fa capire anche meglio!

  2. Francesca Turchi

    Grazie per il tuo commento Valentina. Penso anche la stessa cosa. Quando sappiamo cosa stiamo guardando e il significato delle figure raffigurate in un’opera se ne apprezza ancor più la loro bellezza ^__^

  3. Ottimo articolo. Non conoscevo tutta la storia dietro questo bellissimo murales di Keith Haring.

    Complimenti!

  4. Francesca Turchi

    Grazie Stefano! 🙂

  5. Manlio Scalfi

    Enrico Letta, Pisano, ha appena citato in TV questo murales straordinario. Onore ai pisani che hanno saputo valorizzare e conservare quest’opera così importante. Ricordo che a Milano, in galleria Passerella, nell’ex negozio Fiorucci, esiste un murales di Keith Haring coperto da una parete di cartongesso…. eh sì, si vede che stonava col nuovo arredamento del negozio, Che ignoranza abissale, una città che crede nella sua vocazione europea… la sede dell’expo 2015… non dico altro. Ciao, M

  6. Daniela Antonacci

    WAOOOOOOOOOOOOOOOOO! Grazie 1000
    Gira che ti rigira ho trovato questo strabiliante articolo così da poter usare le stesse semplici e chiare spiegazioni per far conoscere l’arte di keith Haring agli alunni delle classi IV A e IV B della scuola primaria don Milani di Civitavecchia che questo anno scolastico hanno avuto come progetto dell’offerta formativa d’istituto proprio l’arte di questo fantastico artista!!

  7. Anna Chiaraluce

    Grazie Francesca di questo bell’articolo!

  8. Pingback: L’arte “pret a porter”: dalla galleria alla maglieria – L'ARTE DI CAPIRE L'ARTE