Tutti i piatti tipici pisani e dove mangiarli a Pisa

La Toscana è da sempre sinonimo di buona tavola e buon cibo. Ma se vi chiedessi quali sono i piatti tipici pisani e quali sono i ristoranti da non lasciarsi scappare durante un viaggio del gusto a Pisa, voi sapreste rispondermi? Se la risposta è no, meglio! 🙂

Di seguito voglio infatti svelarvi quelli che sono i piatti tipici di Pisa e dove poterli tutt’oggi assaggiare in città. Insomma, ho preparato per voi un tour enogastronomico di Pisa!

Ci tengo fin da subito a precisare che i piatti presentati hanno una stagionalità e i menù dei vari ristoranti variano, quindi non è scontato pensare di trovare sempre tutti i piatti che troverete elencati di seguito. Inoltre questa lista è stata stilata in base a una ricerca che ho effettuato personalmente quindi sono consapevole di non aver inserito tutti i piatti e i ristoranti pisani che li propongono, ma conto di poterla aggiornare nel tempo anche grazie ai vostri contributi (che trovati indicati con un *).

PRIMI PIATTI

 

  • Bordatino alla pisana

Cos’è: è un antico piatto di bordo che si contende tra la tradizione pisana e quella livornese. Si tratta di una minestra, un piatto della cucina povera realizzato con passata di fagioli, cavolo nero e farina gialla (e talvolta cotenne, prosciutto o lardo). E’ un piatto tipicamente invernale.

Dove mangiarlo a Pisa:

  1. Hostaria Le Repubbliche Marinare – Vicolo del Ricciardi
  2. Ristorante Galileo – via San Martino
  3. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  4. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  5. Ristoro Al Vecchio Teatro in via Collegio Ricci
  6. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)
  7. Stazione di Ristoro Leopolda – Piazza Guerrazzi *

 

  • Pallette

Cosa sono: è una sorta di polenta o meglio, una crema di farina di granturco macinata al 5° vaglio del setaccio, servita al piatto e condita a strati con un ragù di carne di manzo e maiale, rigaglie di coniglio e salsa ai funghi, solitamente pioppini o morecci. Il periodo ideale è da settembre in poi.

Dove mangiarle a Pisa: durante la prima metà di agosto a Madonna dell’Acqua a Pisa c’è la Sagra delle palette con i funghi. Tra i ristoranti pisani solitamente viene proposta la variante con il ragù di carne:

  1. Ristorante Galileo – via San Martino
  2. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  3. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  4. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

  • Pappa al pomodoro

pappa al pomodoroCos’è: è un piatto povero di origine contadina, tipicamente toscano, preparato con pane raffermo, pomodori, basilico, aglio, salvia, cipolla vernina e olio extravergine di oliva. Originariamente veniva realizzato come piatto di recupero del pane avanzato. Il periodo migliore per mangiarlo è in estate, quando i prodotti (specialmente i pomodori) sono di stagione.

Dove mangiarla a Pisa:

  1. Ristorante Galileo – via San Martino
  2. Ristorante Poldino – Località Cascine Vecchie (San Rossore)
  3. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  4. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  5. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

  • Pasta e ceci

Cos’è: è un primo piatto tipico dell’antica tradizione culinaria pisana composto da pasta (solitamente corta) e ceci (interi). Una sua variante è la passata di ceci, accompagnata dalla bietola oppure dai gamberi.

Dove mangiarla a Pisa:

  1. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  2. Trattoria da Stelio – Piazza Dante Alighieri
  3. Ristorante Galileo – via San Martino
  4. Trattoria Da Antonio – 4 strade (Arnaccio)
  5. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  6. La Sosta dei Cavalieri – via San Frediano 3
  7. Stazione di Ristoro Leopolda – Piazza Guerrazzi *

 

  • Spaghetti con le arselle

Cosa sono: i primi piatti con le arselle, pescate nelle acque del Gombo o del Serchio, sono una vera specialità pisana. Tra tutti spicca la ricetta a base di spaghetti.

Dove mangiarli a Pisa:

  1. L’Arsella  – Via Padre Agostino da Montefeltro 37 ( Marina di Pisa) *

 

  • Trenette alla renaiola

Cosa sono: questa è l’antica ricetta pisana di chi navigava il fiume Arno con i barconi. Si tratta di un primo piatto a base di pasta lunga condita con aringhe e cime di rapa.

Dove mangiarle a Pisa:

  1. Trattoria Sant’Omobono – Piazza San Omobono 6 *
  2. Trattoria da Cucciolo – Via Rosselmini 9 *

 

  • Zuppa alla pisana

Zuppa alla pisanaCos’è: si tratta di uno dei piatti tipici più famosi composto da pane casalingo raffermo con cavolo verza (o cavolo nero), cotenna di maiale, cipolle, patate, carote, sedano, fagioli piattelle (tipici pisani), pomodori pelati, olio extra vergine di oliva, sale e pepe.

Dove mangiarla a Pisa:

  1. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  2. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  3. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  4. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

 

SECONDI PIATTI

 

  • Anguille in ginocchioni

Cosa sono: è un piatto tipico della località di Bientina e di Padule a base di anguille fritte cucinate in umido al pomodoro.

Dove mangiarle a Pisa:

  1. Ristorante 3 Ruote in Piazza Mazzini (Migliarino): solo su richiesta

 

  • Baccalà e stoccafisso con patateBaccalà coi porri e stoccafisso con patate

Cos’è: sono due secondi piatti di mare. Il baccalà solitamente viene fatto alla griglia o accompagnato dai porri, mentre la ricetta dello stoccafisso alla pisana vede l’aggiunta delle patate lesse durante la cottura.

Dove mangiarlo a Pisa:

  1. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  2. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  3. Ristorante Galileo – via San Martino
  4. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  5. Ristoro Al Vecchio Teatro – via Collegio Ricci
  6. Trattoria Sant’Omobono – Piazza San Omobono 6 *
  7. Trattoria da Cucciolo – Via Rosselmini 9 *
  8. Stazione di Ristoro Leopolda – Piazza Guerrazzi *
  9. Trattoria da Cinotto – V. Provinciale Vicarese 132 (Uliveto Terme) *

 

  • Chioccioline di mare

Cosa sono: le chioccioline di mare sono dei crostacei, solitamente serviti come antipasto e cucinati in umido con sugo di pomodoro. Si mangiano utilizzando uno stuzzicadenti, per aiutarsi ad estrarre le lumachine di mare dal loro guscio.

Dove mangiarle a Pisa:

  1. Ristorante Martini (Tirrenia)

 

  • Cinghiale in umido

    Fagiano, lepre, daino o cinghiale in umido

Cos’è: sono piatti della tradizione toscana e pisana a base di cacciagione in umido (tra i più tradizionali il fagiano con olive e il cinghiale accompagnato da polenta).

Dove mangiarlo a Pisa:

  1. Ristorante Poldino – Località Cascine Vecchie (San Rossore)
  2. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  3. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  4. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  5. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)
  6. La Sosta dei Cavalieri – via San Frediano 3
  7. Stazione di Ristoro Leopolda – Piazza Guerrazzi *

 

  • Fagioli all’uccelletto

Cosa sono: è un contorno di fagioli cannellini conditi con sugo di pomodoro. Un piatto tipico pisano è l’ossobuco accompagnato dai fagioli all’uccelletto.

Dove mangiarli a Pisa:

  1. Ristorante Galileo – via San Martino
  2. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  3. Ristorante Poldino – Località Cascine Vecchie (San Rossore)
  4. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  5. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  6. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

  • Fegatelli di maialeFegatelli di maiale

Cosa sono: il fegatello di maiale si ottiene dalla macinatura di varie parti povere del maiale (la scamerita – una parte del collo – e il fegato). La carne viene cotta e conservata sotto lardo vergine o strutto di maiale. Per l’alto apporto calorico questo è un piatto tipico della stagione invernale, da settembre a maggio. Si sposa molto bene con i rapini come contorno.

Dove mangiarli a Pisa:

  1. Trattoria Da Antonio alle 4 strade (Arnaccio): famosa soprattutto per la carne alla brace
  2. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  3. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  4. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

  • Francesina alla pisana

Cos’è: è un altro piatto di recupero preparato (nella ricetta originaria) utilizzando la carne di manzo lessata con le verdure di cottura avanzate dal giorno precedente. Viene servito in umido con cipolle rosse stufate (una variante prevede le uova). E’ definita “L’inno di Garibaldi“: sembra infatti che il patriota amasse particolarmente questo piatto, scoperto durante il suo soggiorno a Pisa.

Dove mangiarla a Pisa:

  1. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

  • mallegato e cavolo neroMallegato

Cos’è: è un salume realizzato con diverse parti del maiale. A Siena viene realizzato con cotenne, parti della testa dell’animale e sangue e viene chiamato buristo; a Lucca viene chiamato biroldo mentre a Pisa il mallegato è composto solo da sangue e grasso vergine.

Dove mangiarlo a Pisa:

  1. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

  • Mucco pisano

Cos’è: la mucca pisana del Parco di Migliarino-San Rossore è il risultato di un incrocio tra la mucca podolica locale, la chianina e la bruno alpina. La carne di mucco pisano è tenera e ha un sapore marcato. Tra i piatti tipici che si possono mangiare al ristorante solitamente non mancano i tortelli al mucco pisano, lo stracotto, la tagliata, la bresaola o il brasato.

Dove mangiarlo a Pisa:

  1. Ristorante Galileo – via San Martino
  2. Ristorante Poldino – Località Cascine Vecchie (San Rossore)
  3. Ristorante La Vecchia Cascina – via San Biagio (Cisanello)
  4. La Buca – via Massimo D’azeglio
  5. Osteria Bernardo – Piazza San Paolo all’Orto
  6. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

  • Muscoli ripieni

Cosa sono: sono cozze preparate alla pisana con macinato di maiale, pane raffermo ammollato, noce moscata, pecorino pisano, aglio, prezzemolo, olio extravergine di oliva.

Dove mangiarli a Pisa:

  1. La Sosta dei Cavalieri – via San Frediano 3
  2. Ristoro Al Vecchio Teatro – via Collegio Ricci *

 

  • PeposoPeposo

Cos’è: è un piatto del 1500 originario della zona di Impruneta, in provincia di Firenze, famosa per le terrecotte, ma viene cucinato anche nella variante pisana. Il peposo è una sorta di spezzatino tipo brasato composto da carne di manzo, cipolla, pepe e vino rosso cotto per 5 ore nei tradizionali cocci. Un tempo a Pisa, quando i fornai preparavano il pane, le massaie – se avevano macellato – utilizzavano le teglie calde per preparare questo piatto utilizzando le parti meno nobili del maiale tagliate a tocchetti (i pezzi più pregiati venivano riservati ai proprietari).

Dove mangiarlo a Pisa:

  1. Ristorante Galileo – via San Martino
  2. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  3. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  4. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)
  5. Stazione di Ristoro Leopolda – Piazza Guerrazzi *

 

  • Ranocchi

Cos’è: altri piatti tipici del pisano sono la zuppa di ranocchi, la minestra di ranocchi o i ranocchi fritti.

Dove mangiarla a Pisa:

  1. Ristorante 3 Ruote in Piazza Mazzini (Migliarino)
  2. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

  • Seppie con la bietola

seppie-umido-bietolaCosa sono: questo è un piatto a base di seppie in umido tagliate a striscioline accompagnate da bietola (cotta a crudo con le seppie). Lo stesso piatto può essere preparato anche con i piselli anziché con la bietola.

Dove mangiarle a Pisa:

  1. Ristorante Galileo – via San Martino
  2. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  3. Trattoria da Stelio – Piazza Dante Alighieri
  4. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  5. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  6. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)
  7. La Sosta dei Cavalieri – via San Frediano 3
  8. Stazione di Ristoro Leopolda – Piazza Guerrazzi *
  9. Trattoria da Cinotto – V. Provinciale Vicarese 132 (Uliveto Terme) *

 

  • Trippa pisana

Cos’è: è un piatto tipico a base di trippa di vitello in umido col pomodoro. La trippa deriva da due dei tre stomaci del manzo, ovvero il sacco e le cento pelli (la terza è il lampredotto, specialità fiorentina).

Dove mangiarla a Pisa:

  1. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  2. Re di Puglia – via Aurelia Sud (Coltano)
  3. Trattoria da Stelio – Piazza Dante Alighieri
  4. Ristorante Galileo – via San Martino
  5. Ristorante 3 Ruote – Piazza Mazzini (Migliarino): solo su richiesta
  6. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  7. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  8. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)
  9. Stazione di Ristoro Leopolda – Piazza Guerrazzi *

 

DOLCI

 

  • Brodo di giuggiole

Cos’è: è un liquore dolciastro ed estremamente gustoso preparato con le giuggiole appassite. L’espressione “andare in brodo di giuggiole” per dire che una persona è felice deriva proprio dalla bontà di questo prodotto.

Dove berlo a Pisa:

  1. Ristoro Al Vecchio Teatro – via Collegio Ricci

 

  • Cantuccini col Vin santo

Cantuccini col Vin santoCosa sono: sono dei biscotti secchi composti da mandorle intere e pinoli. Per la loro consistenza si usa consumarli inzuppandoli nel Vin santo. Solitamente si associano alla città di Prato ma nella provincia di Pisa ci sono un paio di pastifici che li producono artigianalmente, o sono gli stessi ristoranti pisani a prepararli in casa.

Dove mangiarli a Pisa:

  1. Ristorante Galileo – via San Martino
  2. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  3. Re di Puglia – via Aurelia Sud (Coltano)
  4. Ristoro di Frate Cipolla – Via Battichiodi
  5. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  6. La Pergoletta – 

    Via delle Belle Torri 40

  7. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

  • Castagnaccio

Cos’è: è una torta di farina di castagne tipica (anche) della zona del pisano e composta da uvetta, noci, pinoli e rosmarino sminuzzato grossolanamente.

Dove mangiarlo a Pisa:

  1. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  2. Ristoro Al Vecchio Teatro – via Collegio Ricci

 

  • Torta co’ bischeri

torta co bischeriCos’è: è un dolce tipico di Pisa, precisamente di San Giuliano Terme, Pontasserchio e Vecchiano, che viene prodotto stagionalmente nel mese di aprile. Ha la forma di una crostata di pasta frolla ripiena di un impasto a base di cioccolato, riso, uvetta e pinoli. Contrariamente a quanto pensano in molti, i bischeri non sono i pinoli ma le punte che la pasta frolla forma sul bordo del dolce.

Dove mangiarla a Pisa: le migliori sono quelle che si trovano nei panifici e nelle botteghe paesane e cittadine (ad es. dai F.lli Sbrana a Calci).
Tra i ristoranti è possibili mangiarla presso:

  1. Ristorante Poldino – Località Cascine Vecchie (San Rossore)
  2. Ristorante Il Toscano – Piazza Arcivescovado
  3. Ristorante Galileo – via San Martino
  4. Antica Trattoria Da Bruno – via Luigi Bianchi
  5. Antica Trattoria Il Campano – via Cavalca
  6. Locanda Sant’Agata – SS12 dell’Abetone e del Brennero km, 5+812 (San Giuliano Terme)

 

 

 STREET FOOD

 

  • Cecìna

Cecìna Pisa

Cos’è: è una torta salata molto bassa (circa 0,5 cm) e larga che si ottiene impastando farina di ceci con acqua, sale e olio di oliva. È morbida all’interno e croccante all’esterno. Si può mangiare in versione semplice, solitamente servita a tranci, oppure dentro a una focaccia (o schiacciatina, alla pisana).

Dove mangiarla a Pisa: il posto in cui fanno la cecìna più buona a Pisa (a mio avviso) è la pizzeria Il Montino, in Vicolo Monte 1 in una traversa di Borgo Stretto, in pieno centro. E ancora:

  1. Ristorante Moisé – via Bonaini 121
  2. Ristoro Al Vecchio Teatro – via Collegio Ricci
  3. Pizzeria Nando – Corso Italia
  4. Pizzeria Al Bagno di Nerone – Largo del Parlascio 26 *

Se andate a Livorno vi consiglio di mangiare il “cinque e cinque“, la versione livornese di questo piatto.

 

Oltre a tutti questi piatti della tradizione pisana che potete trovare tutt’oggi nei ristoranti segnalati, esistono altri piatti tipici a Pisa. Alcuni purtroppo oggi non si trovano più. Altri sono difficilmente reperibili nei menù dei ristoranti, o se si trovano io non conosco i locali che li propongono: pertanto li ho voluti segnalare così se voi li conoscete me li potete indicare.

Di seguito altri piatti pisani:

  • le cee alla pisana: è uno dei piatti più tipici in assoluto. Le cee sono le nascite delle anguille, tradizionalmente servite in bianco con olio extravergine, aglio e salvia. Si trovano solo a Pisa e in Spagna, ma da ormai diverse decine di anni la loro pesca è vietata. Ergo: nessuno di noi avrà il piacere di poter dire quanto sono buone (io mi fido dei commenti di mia nonna!).
  • le acciughine alla povera: marinate con aceto, origano e alloro (pertanto di colore bianco), sgocciolate, accompagnate da cipolle rosse di tropea tagliate a fettine sottili e ricoperte di olio extravergine di oliva.
  • la soppressata: è un salume composto da varie parti della testa del maiale (orecchie, naso, cervello,…).
  • il riso al nero di seppia
  • il pane n’zuppo
  • la testicciola alla pisana
  • la polentina di prima macinatura con le arselle
  • la schiacciata di Pasqua: una delle migliori mi segnalano essere quella della Pasticceria Sandro Bargagna a Ripoli (tra Riglione e Musigliano)
  • il pan ficato, fatto con la frutta secca e chiamato anche “tortino dei morti”
  • le frittelle di riso alla pisana: sono dei dolci tipici toscani che si mangiano nel periodo del Carnevale. In Toscana abbiamo notizie di questo dolce a partire dal XV secolo, epoca in cui l’utilizzo del riso in cucina era quasi sconosciuto. Tra gli ingredienti, oltre a riso, zucchero e uova non deve mancare il liquore: la Strega.

 

Se avete altri piatti da segnalare o nomi di ristoranti in cui poter assaggiare i veri piatti della tradizione pisana vi invito a lasciare un commento qui sotto!
Provvederò a integrarli nell’articolo.

 

Tutti i piatti tipici pisani e dove mangiarli a Pisa ultima modifica: 2014-03-10T13:40:32+00:00 da Francesca Turchi

NEWSLETTER

Iscriviti e ricevi una mail quando c'è qualcosa di nuovo!

* indicates required

Lascia un Commento

25 comments

  1. chiara

    I muscoli ripieni li fa ancora il Ristoro Al vecchio teatro! per le acciughine alla povera invece consiglio la mia mamma (ops, non è un ristorante :-)).

  2. Cara Francesca, apprezzo lo sforzo di elencare i piatti tipici pisani e i ristoranti dove si possono trovare. Il risultato è più che buono ma di ristoranti ne mancano tantissimi (che potrebbero offendersi) e di piatti ne mancano alcuni. Al volo mi saltano in mente due di piatti: Le trenette alla renaiola (con le aringhe e cime di rapa) e il baccalà coi porri, che si trovano rigorosamente in osterie fondamentali per la cucina pisana quali Sant’Omobono e Cucciolo!
    Integra, dai!
    Ciao
    Guido

  3. Ciao @ovotortoz, e grazie per il tuo commento.
    In questi mesi ho fatto numerose ricerche: in rete non si trova pressoché niente quindi ho contattato via mail o telefonicamente diversi ristoratori. Poi ho fatto leva sul passaparola, conoscendo altrettanti ristoratori ho chiesto loro chi altri conoscessero che propongono tutt’oggi i piatti tipici. Il risultato per il momento è stato questo. So che senz’altro mi sono scordata dei piatti o dei ristoranti, per questo ho a piacere che mi arrivino altre segnalazioni in modo da integrarle nel post e renderlo sempre più ricco 🙂

    Ps. il baccalà coi porri è nella lista, provvederò ad aggiungere Sant’Omobono e Cucciolo, che non conosco personalmente.
    Le trenette alla renaiola non le avevo mai sentite nominare. Grazie quindi per il suggerimento!

  4. valerio

    Gran bel post..
    sulla cecìna non bisognerebbe mancare di menzionare la pizzeria i bagni di nerone, che forse fa la migliore della città. Aggiungo che non avete mai citato la Trattoria “stazione di ristoro leopolda” che fa un baccalà coi porri strepitoso e molti altri dei piatti che avete citato (la zuppa, il bordatino e un gran peposo).
    Gli spaghetti all’arselle li trovate in alcuni ristoranti tra pisa e il mare, segnalo il rimessaggio “la Vallentina” e “l’Arsella” a Marina di Pisa.

  5. Grazie Valerio! Provvedo a integrare anche queste tue preziose segnalazioni!
    ps. Devo assaggiare la cecina ai Bagni di Nerone. La mia preferita da ormai 30 anni è quella del Montino, ma sono pronta a provare nuove esperienze! 😀

  6. lorella

    Ciao a tutti. Hai elencato posti che piu’ o meno conosco. C’e’ un ristorante a Uliveto Terme, davanti alla piscina, tanto per non fare il nome, che fa piatti straordinari, ben cucinati della nostra tradizione. Da provare

  7. Ciao Lorella, grazie per la segnalazione. Puoi per favore indicarci il nome del ristorante a Uliveto e i piatti tipici pisani che sai essere in menù?
    Ti ringrazio.

  8. lorella

    Il ristorante si chiama ” Da Cinotto”. Ho mangiato delle buonissime seppie con bietola baccala’ su un letto di ceci che erano una meraviglia.

  9. Io ci porto il mi’ babbo, ma poi se mi piange di commozione per tutto il pasto ti ritengo colpevole 🙂

  10. Ciao Enrico, dove vorresti portarlo, dicci dicci.
    Così ti dico se mi assumo la responsabilità o meno! Alcuni dei ristoranti che ho citato li conosco personalmente, e garantisco io per loro 😉

  11. Ciao,
    se non mi sbaglio mio padre non mangia “pisano” a Pisa dalla metà degli Anni Cinquanta, quando mio nonno (pisano) per l’estate lo mandava un paio di mesi dai cugini che avevano la fattoria a Ghizzano: storie di barrocci e campi, che pare la pubblicità della Robiola Osella.
    Mi garberebbe un posto un po’ rustico ma sincero, che lui non è tipo da luoghi “leccati” e per questo mi affido a te!
    A vedere i piatti già sui primi tra bordatino, pallette e zuppa non saprà che scegliere. Di mio invece ho scoperto con piacere che alcune delle cose che normalmente cucinano a casa sono pisane 🙂

  12. Ciao Enrico, ci sentiamo presto in pvt così cercherò di consigliarti al meglio 🙂

  13. Pingback: Pisa tipica: dove trovare le specialità del territorio | TRAVEL'S TALES

  14. Giulia Q

    Il Ristoro di Frate Cipolla purtroppo, con mia grande delusione, non fa più specialità pisane (guardate il menu). È un ottimo ristorante, ma di pisano non ha nulla

  15. Giulia Q

    Confermo invece il ristorante Poldino nel parco di San Rossore: confermata la selvaggina in umido con olive e polenta fritta (credo che la foto dell’articolo sia stata presa proprio da Poldino) e i fagioli all’uccelletto; da aggiungere anche il bordatino alla pisana; non avevano invece la pappa col pomodoro e il mucco (ma forse è un problema di stagionalità), nè la torta co’ bischeri

    Non serve credermi sulla parola, perché anche qui basta vedere il menu

  16. Grazie per i tuoi commenti Giulia. Ci tengo a precisare però che tutti i ristoranti che ho segnalato, come indicato nell’articolo, hanno dei menù che variano in base alla stagionalità dei prodotti quindi è normale che in alcuni periodi dell’anno non propongano i piatti indicati. Ad esempio: la pappa col pomodoro è un piatto estivo mentre la torta coi bischeri è tipica di questo periodo dell’anno (a partire dal mese di aprile, di solito dopo la festa a Pontasserchio che si ha ogni anno intorno al 25 aprile). Ciao e grazie per esser passata di qui!

  17. Carlo

    Ciao Francesca, ho seguito il tuo consiglio di mangiare La Trippa al pomodoro all’ antica Trattoria il Campano, era davvero squisita, ho preso anche la tagliata era qualcosa di meraviglioso, nella mia vita ne ho provate poche così buone, inoltre sono riamsto stupito di quanti vii biologici locali hanno, io adoro il cibo genuino. La mi figlia ha preso la Pappa al pomodoro ed io lo provata, era anche quella strepitosa. Mi moglie invece ha fatto il bis di Baccalà con i porri e patate anche quello buonissimo. I proprietari sono davvero molto cortesi e Pisani Doc.
    Sicuramente seguirò anche i tuoi consigli per Firenze. Grazie e buon appetito a tutti.

  18. Ciao Carlo, grazie per il tuo commento. Mi fa molto piacere leggere commenti e riscontri positivi come il tuo!
    Se hai bisogno di altri consigli su Pisa, Firenze o anche altre città scrivimi quando vuoi 😉

  19. marco

    Saluti a tutti, dove posso trovar questo sitio in inglese?
    Lo voglio compartir con personne che non sanno italiano…
    Grazie

  20. Ciao Marco, mi chiamo Francesca e sono la blogger che gestisce Travel’s Tales. Il blog è solo in lingua italiana, non c’è quindi una versione tradotta in inglese di questo post.
    Se vuoi scrivimi una mail a francescaturchi83@gmail.com. Ciao!

  21. Pingback: Visitare Pisa in un giorno | Cosa vedere: itinerario tra i principali monumenti

  22. paolo

    Salve a tutti,per tutte queste specialità pisane consiglio la gastrorosticceria a tutto gusto da lori,piazzale donatello 4 (cep)purtroppo è solo da asporto,ma la cucina è a livello di moltissimi ristoranti famosi,provare per credere,

  23. Grazie per la tua segnalazione paolo, la proverò! 😉