Durante un viaggio a Valencia non dovete assolutamente mancare una visita all’Oceanogràfic, l’acquario più grande in Europa, che per di più ospita la maggior varietà di specie animali al mondo.

oceanografic valencia
Photo © Francesca Turchi

Il biglietto di ingresso all’Oceanogràfic comprende l’intera visita del parco marino in tutte le sue sezioni e la possibilità di assistere allo spettacolo dei delfini nel delfinario.

Visita all’Acquario Oceanogràfic a Valencia

La visita all’Oceanogràfic inizia entrando nella struttura centrale, nella quale si trovano le scale mobili che portano al piano inferiore. Al piano -1 si trovano il settore Mediterraneo, quello Tropicale, Oceanico, Artico ed Antartico (e un paio di negozietti).

oceanografic valencia
Photo © Francesca Turchi

Al piano superiore, invece, vi è una grande voliera, il settore Mar Rosso, la vasca con le foche e il delfinario.

Sono davvero tantissime le specie animali che si possono osservare all’Oceanogràfic di Valencia, dagli uccelli ai pesci tropicali, dagli squali alle meduse, dai pinguini ai trichechi, etc.! Molto bella la vasca dei leoni marini e il tunnel lungo 70 metri dentro il quale nuotano murene, squali e altre varietà di pesci.

Oceanografico Valencia
Photo © Francesca Turchi

Da non perdere inoltre lo spettacolo dei delfini nel più grande delfinario d’Europa. Cercate di entrare al delfinario un quarto d’ora prima dell’inizio dello spettacolo, così da prendere posto sulle tribune. E poi godetevi i tuffatori acrobatici che assieme ai delfini eseguono degli esercizi davvero fantastici! Lo spettacolo si ha due volte al giorno (alle 12 e alle 16) e dura circa 30 minuti.

Acquario Oceanogràfic a Valencia ultima modifica: 2012-05-26T15:05:27+02:00 da Francesca Turchi
Ti è piaciuto questo post? Condividilo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti

  1. Val

    Mi sa che dovresti correggere “Durante un viaggio a Valencia non dovete assolutamente mancare una visita all’Oceanogràfic,”

    -1