Informazioni su cosa visitare e come muoversi a Barcellona in 4 giorni

Come organizzare un viaggio di 4 giorni a Barcellona? Questo post è dedicato a tutti coloro che desiderano avere informazioni utili su questa bella città della Catalogna.

Con Ryanair si vola in direzione Barcellona Girona (AGGIORNAMENTO: ora anche sull’aeroporto di El Prat). Per il trasporto dall’aeroporto di Girona al centro di Barcellona è possibile usufruire del servizio di trasporti Barcelona Bus, i cui orari di partenza e di arrivo coincidono con quelli dei voli Ryanair con ultima fermata alla Estaciò d’Autobusos Barcelona Nord, nel centro della città. E’ possibile acquistare i biglietti direttamente in aeroporto al costo di 23 euro andata/ritorno.

Come muoversi a Barcellona

La soluzione migliore per muoversi per 4 giorni in tutta Barcellona è il biglietto di trasporto TMB che consente di fare corse illimitate su tutti i mezzi pubblici della città tra cui metropolitana, bus TMB, tram e treni FGC per 2, 3, 4 o 5 giorni ad un prezzo a partire da 14 euro per 2 giorni. L’abbonamento può essere acquistato presso i TMB customer service centres, i Metro ticket offices, i Barcelona Tourist Information Offices.

Un’ottima alternativa per viaggiare gratis sui mezzi pubblici e entrare gratuitamente in 20 musei di Barcellona è la Barcellona Card, disponibile per 2, 3, 4 o 5 giorni a partire da 45 euro.

PS. Al posto della “vecchia” Barcellona Card da 2 giorni, dal 2015 è possibile fare la Barcellona Card Express al costo di 20 euro.

Cosa vedere a Barcellona

  • Sagrada Familia: una delle opera più belle realizzate da Gaudì. Questa opera “onnipotente” è l’emblema della Catalogna. Dal 1882 ad oggi la costruzione della Sagrada è proseguita, senza un progetto definitivo lasciato dall’architetto. Purtroppo, infatti, le impalcature e le gru che la circondano rovinano la visuale del visitatore. Si dice in giro, però, che i lavori saranno ultimati nel 2025.
  • Casa Batlló: la stravagante casa di Gaudì. Visitare i suoi interni è un vero e proprio viaggio nel modernismo.
  • La Pedrera: altra creazione fantastica e surreale di Gaudì.
  • Parc Güel: il bellissimo giardino di Gaudì dalle architetture fumettistiche e i colori vivaci.
  • Museo della scienza CosmoCaixa.
  • Museo di Picasso: nel quartiere di Borne. Il costo del biglietto è 9 euro.
  • Plaça de Espanya: una delle piazze più grandi di Barcellona, nella quale si trova l’Arena de Toros.
  • Dona i ocell: opera new age di Mirò, una statua a forma di  birillo che sfoggia le tinte più varie in una composizione quasi geometrica. Si trova a due passi da Plaça de Espanya.
  • Toros Monumental: la seconda arena dei tori di Barcellona, dopo l’Arena de Toros in Plaça de Espanya. Il costo del biglietto si aggira intorno alle 5 euro e comprende una visita guidata all’interno dell’arena e l’ingresso nel museo interno dedicato alla storia della Monumental, nel quale sono raccolte fotografie, documenti e abiti dei matadores. Non è più possibile visitarla se non durante il giorno della corrida!
  • Parc de la Ciutadella: un grande parco con laghetto centrale dove è possibile noleggiare delle barche a remi.
  • Rambla: il lungo viale barcellonese che si sviluppa tra Plaça Catalunya e il porto, per una percorrenza di circa 2 km. Questo lungo passeggio nel centro di Barcellona è animato da gente a passeggio e da personaggi caratteristici quali venditori di fiori, pittori, ritrattisti e artisti di strada che intrattengono il pubblico con i loro spettacolini e travestimenti esuberanti. Sulle Ramblas si trovano il Museo dell’Erotica e il Museo delle Cere.
  • Mercato della Boqueria: si trova al numero 91 della Rambla ed è il mercato più grande di Barcellona. Sono ottimi i frullati freschi serviti nel tardo pomeriggio al costo di circa 1 euro.
  • Quartiere di Raval: ex quartiere di ladri e prostitute, oggi è un quartiere di tendenza con locali fashion e ristoranti etnici.
  • Museo di Arte Contemporanea: si trova nel Quartiere di Raval;
  • Porto di Barcellona e il Monumento a Cristoforo Colombo;
  • Centro Commerciale Maremagnum: si trova al porto e al suo interno si possono trovare negozi, ristoranti e discoteche;
  • Villa Olimpica e Port Olimpic;
  • Montjuic: collina sulla quale è possibile salire attraverso una teleferica che parte direttamente dal porto;
  • Barceloneta e le sue spiagge.

Desideri anche tu un itinerario di viaggio personalizzato?

Richiedi il tuo “Ti Creo il Tuo Tour”.

 

 

 

Visitare Barcellona in 4 giorni ultima modifica: 2010-04-06T09:16:32+00:00 da Francesca Turchi

NEWSLETTER

Iscriviti e ricevi una mail quando c'è qualcosa di nuovo!

* indicates required

Lascia un Commento

6 comments

  1. orsi

    Dopo la fortunata trasferta in terra tedesca (Berlino ndr.), anch’essa visitata in lungo e in largo grazie all’imprescindibile supporto di Francesca e del suo Travel’s Tales, torno a commentare la bellissima esperienza del mio recente viaggio a Barcellona.

    Che dire? dopo aver prenotato l’aereo e l’ostello altro non rimaneva che preparare la valigia, salutare amici e parenti e…beh sì,partire! Ma come muoversi agevolmente in una città straniera (per me era la prima volta in cataluña) senza l’aiuto di una guida? In effetti ne esistono molte in commercio e devo dire anche ben fatte…ma per soli 4 giorni forse non valeva la pena spendere dei soldi. Allora presto fatto: “ti creo il tuo tour” ha risposto in pieno alle mie esigenze di vacanza breve ed economica ma al tempo stesso completa e interessante. Dite che ho chiesto troppo? Forse sì, forse sì… Ma se avrete la possibilità di trascorrere dei giorni a Barcellona il mio consiglio è quello di portare con voi i consigli di Travel’s Tales, consigli che vanno dritti al punto senza troppi fronzoli.

    Ebbene, siamo riusciti a visitare veramente tutto quello che trovate scritto sopra, in maniera assolutamente tranquilla e senza corse. Allora direte:”Eh…ma Francesca ti paga per questa serie infinita di complimenti?”. “Era meglio…” vi rispondo io…=)

    Sinceramente questo è un itinerario di viaggio ben fatto, per cui mi limiterò solo ad integrarlo con alcune informazioni ulteriori. Barcellona è una città estremamente camminabile ma l’uso della metro è vivamente consigliato. Credo il travelcard T-10 sia l’abbonamento col miglior compromesso fra economicità e praticità d’uso, visto che non è nominale ed è usufruibile da quante persone vogliate. Nonostante il gran traffico che si trova in città poi consiglierei l’uso della bicicletta: esistono tantissimi punti noleggio e le piste ciclabili sono tante e arrivano in tutti i punti strategici della città. Ah, dimenticavo…se siete appassionati di calcio,come non visitare il Camp Nou, teatro delle partite di una delle squadre più forti e vincenti del panorama mondiale? =) (tour stadio + museo = 17 euro)

    Detto questo non rimane che ringraziare Francesca, darle appuntamento al prossimo viaggio e lasciare che le magiche atmosfere della Barcellona di giorno (ma anche e soprattutto) di notte coinvolgano anche voi in un turbinio di emozioni e sensazioni difficilmente vivibili in altre parti d’Europa. =)

  2. Caro Andrea,
    grazie infinite per le tue parole, davvero lusinghiere! Ci sentiamo per il prossimo viaggio allora! 😉

  3. cristian

    grazie per l’attento e dettagliato racconto sulla città.
    Desideravo chiderti, dal momento che appresto mi rechero a madrid e barellona, se è veramente peicolosa come riferisce il sito lonelyplane.
    Cordali saluti.

  4. Ciao Cristian, ti dirò io sono stata con altre 3 amiche – quindi tutte donne – e pur uscendo la sera non posso dirti di aver vissuto una “Barcellona pericolosa”. Al contempo mio fratello ha appena trascorso il capodanno a Barcellona e Madrid insieme ai suoi amici, un bel gruppo di ragazzi sulla ventina. Avevano l’albergo in una viuzza sulle Rambla e mi ha assicurato che c’era da aver paura. Comunque sia, come in tutte le città, dipende dalle zone. Ovunque ci sono le “zone rosse” che è bene evitare! Stai tranquillo e divertiti!!! Barcellona è molto bella, te lo assicuro!

  5. Francesca Turchi

    Ciao Maria, mi fa molto piacere!!! Mi raccomando: non mancare Gaudì, Montjuic, la zona del porto e di mangiare tanta paella 🙂 Buon viaggio.

  6. Maria

    Ho letto tutti i consigli su Barcellona, parto venerdì sera per una tre giorni in cui spero di vedere il più possibile…grazie a queste pagine del tuo blog. molto chiare, mi son fatta una buona idea dei giri da fare…grazie 😉