Settimana bianca: sciare a Bormio, Adamello e Plan de Corones

L’inverno é ormai arrivato, con i suoi cappotti, sciarpe e nasi gocciolanti. Ma anche con le festività, il Natale, il capodanno e… ovviamente, la neve. Anche quest’anno il manto nevoso coprirà le nostre Alpi mentre noi ci abbuffiamo di pranzi e cenoni, preparando il perfetto scenario per la nostra settimana bianca.

Non c’è niente di meglio infatti, per smaltire panettoni e zamponi, di una bella vacanza sulla neve. Sia che preferiate buttarvi su piste ripide con i vostri sci, attraversare silenziose pinete con lo sci di fondo, compiere evoluzioni con lo snowboard o semplicemente rilassarvi, ecco 3 località alpine che non vi faranno mancare nulla.

Bormio

Bormio è una delle mete sciistiche più note della Valtellina. Lì potete sciare ai 1200 metri di quota del paese ma anche ai 3000 metri di Cima Bianca, conosciuta da tutti come Bormio 3000. Ha ospitato i Campionati Mondiali di sci alpino nel 2005 ed è anche una rinomata località termale. Potete quindi passare la giornata sugli sci, rilassarvi tra le acque calde delle terme naturali nel vostro albergo e concludere la giornata con un bel piatto di pizzoccheri e l’ottimo vino locale, tra cui il Sassella e l’Inferno.

Bormio in numeri: 1225 mt di altitudine (3012 mt per Bormio 3000), 50 km di piste, 16 impianti di risalita, 40 km di piste da fondo. Prezzo giornaliero per adulti: dai 31€ ai 37.50€

Adamello

Il comprensorio dell’Adamello è uno dei più importanti del sud delle Alpi e si estende fra tre valli: la Val Rendena, la Val di Sole e le Valli dell’Adige e offre 380 km di piste e 148 impianti di risalita. Ovviamente le soluzioni qui, considerata la dimensione del territorio, sono innumerevoli. Si può optare per un giornaliero locale, per 37€ (adulti), ma si può anche acquistare pass che comprendono aree sempre più grandi, per gli sciatori avventurosi che si annoiano a scendere due volte dalla stessa pista.

Una delle località più note della zona dell’Adamello è certamente Madonna di Campiglio: piccola ed affascinante cittadina dalle origini nobili e con la vocazione per il turismo montano saprà offrirvi tutto quello che chiedete dalla vostra vacanza, sia che siate un gruppo di sciatori incalliti o una famiglia con bambini.

Plan De Corones

Situato in Alta Pusteria questo colosso (Kronplatz il nome tedesco) è da sempre sinonimo di grande sci. Il giornaliero costa dai 35€ ai 44€ in base alla stagione e dà accesso a tutti gli 85 km di piste divisi tra 32 impianti di risalita, ma è anche incluso nel Dolomiti Superski. Ovviamente anche qui non mancano strutture per snowboard e slittini ma l’ideale qui è il Nordic ski. Con i suoi 280Km di piste da fondo che si snodano tra valli e foreste Plan De Corones è l’ideale per gli amanti dei paesaggi naturali invernali. Se poi considerate tutte le località confinanti si superano persino i 1000 km di piste per lo sci di fondo.

L’unico problema è dunque la scelta, problema che si propone anche per l’alloggio. I paesi circostanti sono numerosi e tutti molto belli, tra cui spiccano Brunico e Dobbiaco. Assolutamente consigliata è Valdaora (Olang in tedesco): divisa in tre paesi, è un piccolo paesino pacifico in una valle a poca distanza dalle piste da sci ma con un’atmosfera particolarmente rilassata.

E infine un consiglio culinario: non perdetevi lo stinco con canederli al Tharerwirt, in pieno centro a Valdaora di Mezzo (Mitterolang).

Settimana bianca: sciare a Bormio, Adamello e Plan de Corones ultima modifica: 2012-01-07T11:02:26+00:00 da Francesca Turchi

NEWSLETTER

Iscriviti e ricevi una mail quando c'è qualcosa di nuovo!

* indicates required

Prenota i biglietti per le migliori attrazioni del mondo

Lascia un Commento