La Moschea Cattedrale di Cordoba

La visita di Cordoba, la città più importante dell’Andalusia dopo Siviglia, ruota attorno alla Mezquita e all’abitato di case moresche affacciate in vicoli tortuosi che ricordano il dominio arabo nella regione ben prima dell’anno Mille. Il monumento più importante della città è infatti l’ex Moschea, riconvertita da diversi secoli a Cattedrale, dove – a ragione – si concentra il maggior numero di visitatori.

Superato l’alto muro merlettato di cinta e attraversato l’ingresso principale, denominato Puerta del Perdon (del 1377), si accede a un cortile ricco di piante d’arancio decorative (non mangiateli: sono cattivi!), che serviva per le abluzioni rituali islamiche. Proseguendo si entra nell’edificio, composto da 856 colonne che sostengono archi a ferro di cavallo dipinti di bianco e rosso, secondo il gusto saraceno. La penombra, macchiata di una tonalità rosso scuro, rende l’atmosfera ancora più suggestiva e la ripetizione continua degli spazi, tanto simili tra loro, può far perdere inizialmente l’orientamento.

cattedrale cordoba

Decori alle pareti e sopra le volte, come fitti pizzi chiari, rimandano la mente e culture diverse dalla nostra, poste ad altre latitudini e il cui segno architettonico è inconfondibile. Il marmo bianco del pavimento riflette la luce di finestre basse, da cui il sole filtra dopo aver superato diversi strati di mura.

La parte centrale è occupata dal Crucero, la zona cristiana ricavata dalla demolizione di parte della struttura araba e rappresenta una sorta di chiesa nella chiesa, creando un effetto di forte contrasto. Iconografie di Santi, l’altare maggiore in marmo rosso, l’area del coro, gli stalli barocchi intagliati e la cupola ovoidale sono gli elementi di questo spazio, in un cui angolo riposano anche le spoglie mortali dei reali di Castiglia.

Nonostante la folta presenza di visitatori e di gruppetti con guida, la grandezza dell’edificio permette di godere di un discreto silenzio. E di una gradevole frescura nella stagione più calda!

cordoba mezquitacrucero

Info pratiche

Costo: il biglietto si acquista all’ingresso e costa 8€ adulti, 4€ bambini (gratis fino ai 10 anni); è possibile effettuare la visita con guida (36,50€ a persona) che comprende – oltre alla Moschea – anche l’Alcazar, il quartiere ebraico e la Sinagoga.

Orario: la Mezquita è aperta tutti i giorni (10-18), ma la domenica/festivi effettua orario ridotto a seconda delle funzioni religiose.

Dove mangiare: attorno alla Moschea sono presenti numerosi ristoranti di grandi dimensioni (per accogliere le comitive Gran Turismo), a prezzi medi/alti per piatti di qualità medio/bassa; bisogna cercare dove mangiare con un po’ d’attenzione, resistendo al richiamo delle sirene e della fame, addentrandosi nelle stradine per scoprire angoli di cucina andalusa gustosa e a prezzi abbordabili dai più, come a Casa Pepe de la Juderia (in Calle Romero 1) dove lasciarsi andare a un boccale d’immancabile Sangria.

cordoba ristorante

Arrivare a Cordoba: raggiungibile da Siviglia (dista circa 150km), sia in auto che in treno, è visitabile in giornata.

Guest post di Barbara Oggero di reporterpercaso.com

La Moschea Cattedrale di Cordoba ultima modifica: 2012-04-06T17:12:05+00:00 da Guest Post

NEWSLETTER

Iscriviti e ricevi una mail quando c'è qualcosa di nuovo!

* indicates required

Lascia un Commento

3 comments

  1. Storia, arte e cultura si respirano in questi posti.

  2. Pingback: La Mezquita di Cordoba | vado vedo scatto scrivo

  3. jennifer

    ciao Barbara & Francesca,
    avete altri post su Cordoba? Cosa vedere oltre alla mosquite??? GRAZIE 🙂

    -1