Quella volta che ho mangiato gli Omotenashi udon

Per il ciclo Quella volta che oggi voglio domandarvi se vi è mai capitato di ordinare qualcosa da mangiare solo per il nome del piatto. A me è successo in Giappone e questa storia ha a che fare con il termine Omotenashi: una delle tante parole nipponiche intraducibili che esprime uno dei concetti giapponesi più complessi e carichi di significato.

Mi trovavo sul Monte Koya, uno dei luoghi più mistici e spirituali del Giappone, situato a sud della città di Osaka nella prefettura di Wakayama, dove ho avuto il piacere di dormire in un tempio buddista. La cittadina, infatti, è caratterizzata da oltre 100 monasteri buddisti che offrono ospitalità a fedeli e viaggiatori.

Passeggiando nel centro di Koyasan, per pura casualità, sono entrata da Kadohama Goma-tofu honpo (角濱ごまとうふ総本舗飲食部), un ristorante la cui specialità è il tofu al sesamo, servito sia come piatto in stile kaiseki che venduto come souvenir nello shop.

Non sono un’amante del tofu quindi non l’ho ordinato, preferendo invece gli Omotenashi udon: una scelta, questa, fatta di pancia dopo aver letto il nome del piatto e quella parola che nella cultura giapponese riveste una così grande importanza.

Omotenashi udon
Photo © Francesca Turchi

Cosa vuol dire Omotenashi?

Omotenashi è un termine giapponese che in italiano potremmo banalmente tradurre con OSPITALITÀ. Tuttavia questa interpretazione perderebbe il significato davvero molto più profondo del termine.

“L’atteggiamento disinteressato di intrattenere gli ospiti con gentilezza e senza volere niente in cambio”.

Questa traduzione, forse, spiega al meglio come il significato di una sola e semplice parola mi abbia spinto a ordinare un piatto di udon in brodo alle tre del pomeriggio in una delle località più isolate e mistiche del Giappone.

TI È PIACIUTO QUESTO POST?

Se hai dubbi o curiosità puoi lasciarmi un commento qui sotto o puoi lasciarmi un messaggio sul mio profilo Instagram o sulla mia pagina Facebook. Ti risponderò al più presto!

Francesca Turchihttps://www.travelstales.it/
Francesca Turchi è una travel blogger dal 2009 e da oltre 15 anni si occupa di comunicazione e creazione di contenuti per il web. Francesca è la fondatrice e la proprietaria di travelstales.it, uno dei blog di viaggi più seguiti in Italia. Francesca è una viaggiatrice esperta che ama saltare da una capitale europea all’altra, ha un debole per gli Stati Uniti e da quando ha visitato il Giappone si è follemente innamorata dell’Oriente. Francesca ad oggi ha visitato 29 Stati in tutto il mondo.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.