Cosa comprare in Giordania: souvenir e regali da portare a casa

Ogni viaggio all’estero merita un po’ di shopping e l’acquisto di qualche souvenir. La Giordania è una destinazione che offre delle idee regalo particolarmente belle per portare a casa un pezzettino di questa terra meravigliosa.

Tra un’escursione a Petra, una visita ad Amman, un safari nel deserto del Wadi Rum e un galleggiamento nel Mar Morto, avrete la possibilità non solo di collezionare incredibili ricordi ma anche di fare acquisti autentici e tipici della cultura giordana.

Cosa conviene comprare in Giordania? Quali sono i migliori souvenir tradizionali giordani? In questo articolo vi consiglio 8 idee regalo da acquistare durante un viaggio in Giordania.

Cosa comprare in Giordania come souvenir: 8 idee regalo

Kefiah

Quando qualcuno mi chiede cosa comprare in Giordania io suggerisco sempre di acquistare una kefiah, il copricapo tradizionale arabo. Simbolo universale palestinese diffuso anche in Giordania, la kefiah è una sciarpa a scacchi pied de poule rossi e bianchi (si trova anche in versione nera, verde e blu) che viene indossata dai militari, dai beduini e da molti giordani.

La kefia è un ottimo modo per riparare la testa dal sole e aiuta a dare enfasi a qualsiasi foto scattata in Giordania, come ad esempio quella che ho scattato davanti al Tesoro di Petra con la mia kefia bianca e rossa in testa. Questo tipico souvenir giordano si può trovare nei souk, alle bancarelle o nei negozi.

kefiah giordania
Photo © Francesca Turchi

Prodotti del Mar Morto per la pelle

Oltre a galleggiare nel Mar Morto e a godersi gratuitamente un bagno nei suoi fanghi, durante un viaggio in Giordania potete comprare i prodotti del Mar Morto, uno dei souvenir preferiti dalle donne che viaggiano.

fanghi del Mar Morto, completamente naturali e ricchi di sali minerali, sono famosi per le loro proprietà benefiche per la pelle. Sulle spiagge situate lungo il Mar Morto è comune trovare i fanghi da utilizzare per cospargersi tutto il corpo ma se volete acquistarli per portarli a casa non avrete difficoltà: molte spa e negozi di articoli da regalo in Giordania vendono prodotti con fango del Mar Morto.

fanghi mar morto
Photo © Francesca Turchi

Kajal

Come saprete le tribù nomadi che vivono nei deserti indossano strati di vestiti e l’unica parte visibile del corpo sono gli occhi. Ecco che il Kajal (o Kohl), ovvero l’eyeliner nero, risulta essere la parte più importante del loro trucco.

Durante un viaggio in Giordania vi capiterà spesso di vedere donne e uomini beduini indossare una linea di Kohl intorno agli occhi e restare ammaliati dal loro sguardo intenso. Ovviamente potete comprare il loro Kajal e farvi truccare e spiegare come applicarlo sugli occhi: così facendo, una volta tornati a casa con questo souvenir nella vostra borsa dei trucchi, potrete farlo in autonomia.

kajal
Photo © Francesca Turchi
kajal
Photo © Francesca Turchi

Caffè al cardamomo

Una delle specialità da provare in Giordania è il caffè turco col cardamomo che come da tradizione araba viene preparato nella caffettiera Dallah e servito lungo, denso e bollente (il caffè tiepido, o ancor peggio freddo, è considerato un gesto maleducato). Potete troverete il caffè al cardamomo ovunque in Giordania: nei ristoranti, alle bancarelle in strada, nelle tende beduine e nelle stazioni di servizio. Se il suo gusto vi piacerà, potete aggiungere anche questo prodotto alla vostra lista dei souvenir da acquistare in Giordania.

Caffè al cardamomo
Photo © Francesca Turchi

Mosaici

In Giordania i mosaici hanno una storia millenaria. L’esempio più famoso è la Mappa di Madaba, il mosaico più antico al mondo. Si tratta di una mappa pavimentale situata nella Chiesa di San Giorgio nella cittadina di Madaba, ribattezzata appunto “la città dei mosaici”. Scoperto nel 1890 durante i lavori di ampliamento, questo mosaico raffigura l’itinerario per raggiungere Gerusalemme attraverso oltre 150 siti biblici del Medio Oriente, dall’Egitto alla Palestina.

Questa antica opera d’arte non è in vendita ovviamente ma l’arte del mosaico a Madaba è ancora viva e vegeta in queste zone e in molti negozietti della Giordania è possibile acquistare realizzazioni artigianali. Sebbene sia possibile trovare mosaici in qualsiasi parte del Paese, Madaba è senz’altro il posto migliore dove fare shopping.

Mosaico in Giordania
Credit: Photo by depositphotos.com

Spezie

L’acquisto di spezie è un’altra esperienza sensoriale da fare assolutamente in Giordania. Personalmente adoro le spezie e durante i miei viaggi ne ho assaggiate, e acquistate, tantissime. Ma nessuna è paragonabile allo za’atar, una miscela di erbe secche e semi di sesamo tostati che possono essere aggiunti in qualsiasi piatto tipico giordano. Altre spezie popolari in Giordania sono il sumac viola e il cardamomo usato per il famoso caffè turco.

spezie
Photo © Francesca Turchi

Tappeti beduini

Un acquisto voluminoso quanto pregiato sono i coloratissimi tappeti beduini e i tessuti realizzati a mano. Potete trovarli nei negozi ma soprattutto nelle bancarelle beduine situate in siti aperti al pubblico come Petra o Beida, nota anche come “la Piccola Petra”.

souvenir giordania
Credit: Photo by depositphotos.com

Gioielli tribali

Per chi desidera sfoggiare al collo un bel souvenir tipico giordano, un’ottima idea sono i gioielli tribali in stile beduino realizzati con ossa di cammello e pietre dure. Ad esempio, avvicinandomi a una bancarella beduina a Petra, non ho saputo resistere alla tentazione di acquistare una bellissima collana in osso di cammello con giada e corniola.

Spero che questo articolo su cosa comprare in Giordania vi sia piaciuto. Quali souvenir dalla Giordania vorreste acquistare dopo aver letto questo articolo? Fatemi sapere nei commenti.

TI È PIACIUTO QUESTO POST?

Se hai dubbi o curiosità puoi lasciarmi un commento qui sotto o puoi lasciarmi un messaggio sul mio profilo Instagram o sulla mia pagina Facebook. Ti risponderò al più presto!

Francesca Turchihttps://www.travelstales.it/
Francesca Turchi è una travel blogger dal 2009 e da oltre 15 anni si occupa di comunicazione e creazione di contenuti per il web. Francesca è la fondatrice e la proprietaria di travelstales.it, uno dei blog di viaggi più seguiti in Italia. Francesca è una viaggiatrice esperta che ama saltare da una capitale europea all’altra, ha un debole per gli Stati Uniti e da quando ha visitato il Giappone si è follemente innamorata dell’Oriente. Francesca ad oggi ha visitato 29 Stati in tutto il mondo.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO