Cosa comprare a Zanzibar: souvenir e regali da portare a casa

Durante ogni viaggio è sempre bello fare un po’ di shopping e acquistare qualche souvenir tipico. Se state per fare un viaggio a Zanzibar, questa destinazione da sogno saprà sorprendervi con tante idee regalo specialmente se amate l’artigianato locale, i prodotti realizzati in legno e i souvenir dai colorati sgargianti.

Cosa comprare a Zanzibar? Quali sono i migliori souvenir tipici da portare a casa? In questo articolo vi consiglio 8 idee regalo da acquistare durante un viaggio in questa meravigliosa isola dell’Oceano Indiano.

8 souvenir di Zanzibar da portare a casa

Souvenir tipici da comprare sulla spiaggia

Decidere cosa comprare a Zanzibar come souvenir può sembrare difficile ma in realtà non lo è. Dal primo giorno che metterete piede sulle spiagge di Zanzibar, in particolare quelle più turistiche come Kiwengwa, noterete subito le numerose bancarelle e capanne adibite a negozi di souvenir dove potrete fermarvi per fare un po’ di shopping.

Fare acquisti sulla spiaggia e contrattare con i venditori (solitamente masai o gente del posto) è un’esperienza che ogni viaggiatore dovrebbe fare durante un viaggio a Zanzibar. La trattativa sarà estenuante: partiranno da un prezzo esorbitante per poi scendere a prezzi più modesti, ma questo è il bello di fare acquisti in realtà locali come queste. Voi state al gioco e ricordate che per gli acquisti in spiaggia è più vantaggioso pagare usando la moneta locale.

souvenir tipici zanzibar
Credit: Photo by depositphotos.com

Oggetti in ebano

Tra gli oggetti più tipici che troverete in spiaggia e nei negozi di Zanzibar ci sono le piccole sculture in ebano. Se ne trovano di vari tipi: dalle statuette dei masai a quelle degli animali tipici dell’Africa fino alle maschere. Sono molto caratteristiche e hanno costi abbastanza modesti.

souvenir Zanzibar in legno Masai
Credit: Photo by depositphotos.com

Abbigliamento tipico

Sempre sulle spiagge di Zanzibar potrete acquistare indumenti e abbigliamento turistico come parei, teli da mare, vestitini, costumi e t-shirt con fantasie e richiami all’Africa. Come vi renderete presto conto durante il vostro viaggio a Zanzibar, ovunque vedrete o udirete le parole Hakuna Matata. L’espressione deriva dallo swahili e significa “nessun problema”.

Collane, bracciali e cavigliere

Tra i souvenir tipici di Zanzibar non possono mancare i braccialetti di perline fatti a mano, le collane con (finti) denti di squalo e le cavigliere coloratissime come quelle indossate dai masai.

Gioielli Tradizionali Masai zanzibar
Credit: Photo by depositphotos.com

Quadri e tele dipinte a mano

Uno dei souvenir di Zanzibar che preferisco in assoluto è la mia tela coi masai e il Kilimangiaro, attualmente appesa in camera da letto. I quadri dipinti a mano, con i loro soggetti tipicamente africani e i colori sgargianti, sono tra i migliori souvenir da portare a casa dopo un viaggio a Zanzibar. Una volta scelta la vostra tela preferita saranno i venditori stessi a toglierla dal telaio per arrotolarla in modo da rendervi più facile il trasporto in viaggio. Una volta rientrati in Italia, per poterla appendere dovrete semplicemente incorniciarla di nuovo.

souvenir tipici zanzibar
Photo © Francesca Turchi

Bao Kiarabu

Il bao è un gioco da tavolo tipico dell’Africa orientale e del mondo swahili. A Zanzibar è noto come bao la Kiarabu ed è un gioco della famiglia dei mancala le cui regole sono piuttosto complesse. Ovviamente potete imparare a giocarci ma se così non fosse sappiate che il tavoliere da Bao, realizzato artigianalmente in legno e costituito da 4 file di 8 buche, è anche un bel souvenir da comprare a Zanzibar e da esibire a casa propria. Anche io ne ho uno nel mio salotto: non ho mai imparato a giocarci ma si presenta come un vero e proprio complemento d’arredo.

Bao zanzibar
Photo © Francesca Turchi

Spezie

Se vi state ancora domandando cosa si può comprare a Zanzibar e amate le spezie per cucinare sarete felici di sapere che questa isola dell’Oceano Indiano è conosciuta come l’isola delle spezie. Qui potrete non solo acquistarle, ad esempio al mercato di Stone Town, ma anche conoscerle attraverso il tour nella piantagione delle spezie che consiste in una visita guidata con spiegazione su numerose spezie (cannella, cardamomo, vaniglia, zenzero, etc) e alberi da frutto (jack fruit, palme di cocco, etc).

spezie
Credit: Photo by depositphotos.com

Profumi e fragranze

Sapevate che i fiori dell’albero Ylang-Ylang (Cananga odorata) sono la base del profumo Chanel No.5? I fiori di questo albero emanano un profumo dolce e talmente intenso da aver conquistato Coco Chanel ed Ernest Bo che, nel 1921, crearono la loro famosissima fragranza femminile: Chanel No. 5.

Altri profumi ed essenze si trovano su tutta l’isola ma il posto migliore dove acquistarli, e allo stesso tempo vedere coi propri occhi le piante da cui vengono realizzate le singole fragranze, è durante il tour delle spezie a Zanzibar.

profumi zanzibar
Photo © Francesca Turchi

Spero che questo articolo su cosa comprare a Zanzibar vi sia piaciuto. Quali souvenir tipici vorreste acquistare dopo aver letto questo articolo? Fatemi sapere nei commenti.

Disclaimer: all’interno di questo articolo trovate link affiliati. Questo significa che per gli acquisti effettuati tramite i miei link io ricevo una piccola commissione senza alcun costo aggiuntivo per voi. Così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie! ♥

TI È PIACIUTO QUESTO POST?

Se hai dubbi o curiosità puoi lasciarmi un commento qui sotto o puoi lasciarmi un messaggio sul mio profilo Instagram o sulla mia pagina Facebook. Ti risponderò al più presto!

Francesca Turchihttps://www.travelstales.it/
Francesca Turchi è una travel blogger dal 2009 e da oltre 15 anni si occupa di comunicazione e creazione di contenuti per il web. Francesca è la fondatrice e la proprietaria di travelstales.it, uno dei blog di viaggi più seguiti in Italia. Francesca è una viaggiatrice esperta che ama saltare da una capitale europea all’altra, ha un debole per gli Stati Uniti e da quando ha visitato il Giappone si è follemente innamorata dell’Oriente. Francesca ad oggi ha visitato 29 Stati in tutto il mondo.

Commenti

LASCIA UN COMMENT