Viaggio a New York: consigli utili e cosa sapere prima

Se state organizzando il vostro primo viaggio a New York, in questo articolo trovate tutto ciò che è importante conoscere prima di partire per NYC. Di seguito trovate utili consigli pre-partenza relativi a passaporto, visto, assicurazione, mance, spostamenti e tanto altro.

6 cose da sapere prima di andare a New York

Come trovare voli economici per New York

Il consiglio in generale è sempre quello di iniziare a cercare i voli per New York in anticipo e soprattutto monitorarli. Io di solito mi trovo bene con Skyscanner: è attraverso questo comparatore di voli che ho prenotato il volo diretto Malpensa-New York a 400 euro A/R nel weekend di Pasqua.

biglietto aereo new york
Photo © Francesca Turchi

Documenti necessari: autorizzazione ESTA e passaporto

Dal 12 gennaio 2009 per poter entrare negli Stati Uniti è obbligatorio ottenere una autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization). L’ESTA, che sostituisce il visto turistico, va fatta online prima di partire per gli USA, costa 21$ e ha una validità di 2 anni.

Inoltre per viaggiare negli Stati Uniti è necessario essere in possesso di un passaporto con una validità residua di almeno 6 mesi.

volo new york British Airways

Assicurazione sanitaria

Come sempre vi ricordo che quando viaggiate all’estero, specialmente negli Stati Uniti dove la sanità è privata, è consigliabile stipulare una buona polizza assicurativa. Questo perché se vi fate male le spese sanitarie negli USA saranno a vostro carico e nel caso di ricovero in ospedale il costo sarebbe MOLTO alto, decisamente più alto di un’assicurazione viaggio.

Un esempio? Una visita al pronto soccorso negli States costa dai $150 ai $3.000, chiamare un’ambulanza dai $400 ai $1200 mentre per un viaggio di 7 giorni negli USA fare un’assicurazione con Heymondo costa solo 56€ con massimali altissimi, assicurazione sul bagaglio smarrito/danneggiato e perfino sull’annullamento viaggio. Prima di partire non dimenticate di stipularla: potete farlo cliccando direttamente qui e avrete anche uno SCONTO immediato del 10% sul prezzo della polizza. Cosa aspettate?

Shopping a New York

Non starò qui a darvi consigli su dove e cosa comprare a New York. Sarebbe inconcepibile vista la vastità di negozi e prodotti da acquistare.

Il consiglio che voglio darvi però è quello di entrare nei più famosi grandi magazzini della città, come ad esempio Bloomingdale’s o Macy’s, dove in qualità di turisti è possibile ricevere uno sconto del 10% su moltissimi prodotti.

Inoltre un altro consiglio importante è il seguente: ricordatevi che in tutti i negozi di NYC non vengono applicate le tasse sull’abbigliamento sotto ai 110$ (il tax free vale solo sull’abbigliamento e sulle calzature, non sugli accessori).

La mancia negli USA

A New York ricordatevi di lasciare la mancia! Non si tratta solo di una buona pratica, piuttosto di un’usanza talmente radicata nella cultura americana che deve essere rispettata. È vero, noi italiani non ci siamo abituati e per noi è una pratica inconsueta ma ciò non toglie il fatto che a New York la mancia è obbligatoria, come nel resto in tutti gli Stati Uniti, pertanto va lasciata. Punto.

A chi va data la mancia?

A New York la mancia (o tip) va lasciata in varie situazioni in cui un viaggiatore può ritrovarsi, dal ristorante all’hotel. Alcuni esempi di figure a cui lasciare la mancia sono camerieri, baristi, tassisti, facchini e guide turistiche.

Quanto lasciare di mancia?

Solitamente si va dal 15% sul totale dello scontrino fino a cifre più alte in base al livello di soddisfazione del servizio ricevuto. Tranquilli: molte volte, specialmente al ristorante, la mancia è indicata in fondo allo scontrino dove appaiono tre suggerimenti (18%, 20% e 22%). Se nello scontrino non vedete la mancia suggerita, o non avete voglia di fare voi il calcolo, ecco una soluzione da adottare: raddoppiate le tasse (che sono del 9% circa, quindi raddoppiandole si arriva quasi al 18% che è una mancia piuttosto onesta).

In linea di massima ricordate che a New York la mancia al ristorante va dal 18% al 20% del totale, al tassista dal 15% al 20%, al facchino o al concierge in hotel basta lasciare un paio di dollari (ma ovviamente dipende dal tipo di servizio ricevuto) mentre in discoteca o nei bar si usa lasciare un dollaro di mancia al barista per ogni drink ordinato.

Trasferimento dall’Aeroporto di New York JFK

Se il vostro volo atterra o riparte dall’Aeroporto JFK di New York esistono vari modi per organizzare il transfer fino a Manhattan (dove vi consiglio di prendere il vostro hotel a New York). Potete spostarvi da JFK a Manhattan con vari mezzi pubblici e privati:

1. AirTrain + metropolitana: è la soluzione più economica per spostarsi dall’aeroporto JFK. Il servizio è attivo 24h su 24 e collega tutti i terminal (dall’1 all’8) alle stazioni della metro di Giamaica e di Howard Beach. Da qui si può poi raggiungere il centro di Manhattan con la metropolitana in circa 45 minuti. Il biglietto dell’AirTrain costa $7,75 mentre la corsa in metro 2,75$ (entrambi da pagare tramite MetroCard, acquistabile alle macchinette presenti in entrambe le stazioni).

☞ METROCARD – È la tessera ricaricabile per i trasporti pubblici (metro e bus) di New York. Ogni corsa costa 2,75$ mentre la Metrocard Unlimited 7 giorni costa 33$ e conviene farla per viaggi di almeno 5 giorni. Tutte le info le trovate qui.

2. Shuttle condiviso: è un minibus che funziona come un taxi e trasporta più persone fino al proprio albergo. Il costo è di circa 20$ a persona.

3. Taxi gialli e Transfer privati: è sicuramente il mezzo più costoso ma anche il più comodo, che personalmente preferisco per viaggiare comodamente in una macchina privata dall’aeroporto JFK fino all’albergo. Una corsa in taxi solitamente costa 56$ (i taxi applicano una tariffa fissa di 52$ per la tratta aeroporto-Manhattan, a cui vanno aggiunte le tasse e la mancia).

☞ Vieni dall’aeroporto JFK? PRENOTA il tuo transfer per Manhattan

Ricordatevi inoltre che:

  • i taxi a New York possono trasportare massimo 4 passeggeri (5 se viaggiate a bordo di in minivan);
  • il pagamento del taxi avviene a destinazione e conviene pagare in contanti e non con carta di credito, questo perché le compagnie applicano poi una tassa sulle mance pagate con carta.

TIPS ☞ Un ultimo suggerimento che voglio regalarvi riguarda la mia amica blogger Simona Sacri, una super esperta degli Stati Uniti sul cui blog trovate tanti altri spunti, itinerari e consigli utilissimi se state per partire per New York, e non solo.

Se state per fare un viaggio a New York, spero che questi consigli sulla Grande Mela possano esservi di aiuto. Come sempre, se avete domande o dubbi scrivetemi o lasciatemi un commento qui sotto.

Disclaimer: all’interno di questo articolo trovate link affiliati. Questo significa che per gli acquisti effettuati tramite i miei link io ricevo una piccola commissione senza alcun costo aggiuntivo per voi. Così facendo supporterete questo blog e il lavoro che si nasconde dietro ogni articolo pubblicato. Grazie! ♥

TI È PIACIUTO QUESTO POST?

Se hai dubbi o curiosità puoi lasciarmi un commento qui sotto o puoi lasciarmi un messaggio sul mio profilo Instagram o sulla mia pagina Facebook. Ti risponderò al più presto!

Francesca Turchihttps://www.travelstales.it/
Francesca Turchi è una travel blogger dal 2009 e da oltre 15 anni si occupa di comunicazione e creazione di contenuti per il web. Francesca è la fondatrice e la proprietaria di travelstales.it, uno dei blog di viaggi più seguiti in Italia. Francesca è una viaggiatrice esperta che ama saltare da una capitale europea all’altra, ha un debole per gli Stati Uniti e da quando ha visitato il Giappone si è follemente innamorata dell’Oriente. Francesca ad oggi ha visitato 29 Stati in tutto il mondo.