Chiesa della Spina Pisa

Pisa della Torre pendente.
Pisa Repubblica Marinara.
Pisa città natale di Galileo Galilei.
E poi c’è la Pisa oltre la torre: quella che non ti aspetti, quella che non conosci, quella da scoprire con gli occhi e i consigli di un local.

Se non siete mai stati nella mia città e volete dei consigli su cosa vedere a Pisa, cosa fare, quali attrazioni e luoghi visitare e dove mangiare tipico, di seguito trovate un itinerario di cosa vedere a Pisa in 1 o 2 giorni.

Sì, avete letto bene: uno o due giorni a Pisa. Non ho scritto di proposito un giorno, mezza giornata o un paio d’ore: in tal caso la lista si sarebbe esaurita in una mezza paginetta, probabilmente con una lista puntata che iniziava con “Un viaggio a Pisa non può che partire da Piazza dei Miracoli e dalla Torre pendente” e proseguiva con “… per poi andare a Lucca e a Firenze” come spesso si legge in giro e che qui, di proposito, non voglio scrivere.

In questo articolo non vi farò un mero elenco delle cose da vedere a Pisa. Mi piace l’idea di portarvi virtualmente in giro con me per la città facendovi scoprire i luoghi più belli e famosi e quelli meno conosciuti, gli angolini più caratteristici e alcune chicche che non dovete assolutamente perdere.

Mappa delle cose da vedere a Pisa in un giorno

Qui trovate la mappa dell’itinerario di cosa vedere a Pisa in un giorno con tutti i luoghi da visitare indicati nell’articolo riportato di seguito.

Cosa vedere a Pisa – 1° giorno

Stazione Centrale e Corso Italia

Il vostro itinerario alla scoperta di Pisa può iniziare dalla Stazione Centrale dei treni, a due passi dal centro storico cittadino. Da qui si può percorrere Corso Italia, un corso pedonale ricco di negozi e bar che inizia oltre la bella Piazza Vittorio Emanuele, antistante la stazione e recentemente ristrutturata.

Murale Tuttomondo di Keith Haring

Il consiglio che voglio darvi prima di incamminarvi verso Corso Italia è di fare capolino oltre la facciata esterna del convento di Sant’Antonio Abate, che si trova sulla sinistra prima di entrare nel corso. Il motivo? Ammirare il Tuttomondo di Keith Haring, un murale di 180 metri quadrati realizzato dall’artista newyorkese nel 1989 durante una visita a Pisa, nonché unica sua opera a cielo aperto in Italia. In questo articolo trovate tutte le informazioni su questa stupenda opera murale che inneggia alla vita e alla felicità nel mondo.

Tuttomondo Keith Haring Pisa
Photo © Francesca Turchi

Ponte di Mezzo

Passeggiate lungo Corso Italia fino ad arrivare sui lungarni di Pisa, sul fiume Arno e sul Ponte di Mezzo. Qui vi consiglio di fermarvi qualche minuto, giusto il tempo di guardarvi intorno e lasciarvi conquistare dal fascino dei lungarni pisani e dei suoi palazzi color pastello.

Chiesa della Spina Pisa
Photo © Francesca Turchi

Lungarno Gambacorti: Palazzo BLU e Chiesa della Spina

Prima di dirigervi verso il cuore della città, senza attraversare il fiume ma passeggiando lungo Lungarno Gambacorti, potete visitare una delle mostre temporanee di Palazzo BLU o raggiungere la chiesa di Santa Maria della Spina collocata sulla sponda sinistra dell’Arno.

Completamente smontata nell’Ottocento e trasferita in un punto più alto del fiume per evitare che le alluvioni potessero danneggiarla, questa piccola chiesetta bianca è considerata uno dei più famosi esempi di gotico pisano. Il suo nome si riferisce alla presenza di una spina della corona di Cristo, portata a Pisa da un mercante locale al suo ritorno dalla Terra Santa. La chiesa è aperta al pubblico con ingresso gratuito ma solo ad orari prestabiliti.

chiesa della spina pisa
Photo © Francesca Turchi

Lungarno Pacinotti

Dalla Chiesa della Spina potete attraversare il Ponte Solferino e percorrere Via Roma fino a raggiungere direttamente la famosa Piazza dei Miracoli.

Oppure potete fare un percorso più completo lungo l’altra sponda dell’Arno prima di addentrarvi nella zona dove si trovano i monumenti più storici e famosi di Pisa. In tal caso, dalla Chiesetta della Spina attraversate il ponte e percorrete Lungarno Pacinotti fino a tornare all’altezza del Ponte di Mezzo. Lungo la via non dimenticate di fare tappa al Caffè dell’Ussero, uno dei caffè storici di Pisa, e alla Gelateria De Coltelli, una delle gelaterie artigianali più buone di tutta la città.

Caffè dell'Ussero Pisa
gelateria de coltelli pisa
Photo © Francesca Turchi

Borgo Stretto e Piazza dei Cavalieri

Raggiungete Piazza Garibaldi, la piazza situata di fronte al Ponte di Mezzo, ed entrate in Borgo Stretto, l’antica strada pedonale formata da loggiati coperti dove si trovano negozi ed esercizi commerciali. Alla fine dei loggiati, svoltate a sinistra in via Ulisse Dini e raggiungete Piazza dei Cavalieri, una delle piazze più famose di Pisa. Anticamente questo era il centro nevralgico della città ed era conosciuta come “Piazza delle Sette Vie”, dove si svolgeva la vita politica e sociale cittadina.

pisa piazza dei cavalieri
Photo © Francesca Turchi

In Piazza dei Cavalieri a Pisa si trovano anche:

  • il Palazzo della Carovana, antica sede del Consiglio degli Anziani in epoca medievale, dell’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano nel XVI e XVII secolo e oggi sede della Scuola Normale Superiore di Pisa progettato da Giorgio Vasari e commissionato dalla famiglia de’ Medici.
pisa piazza dei cavalieri
Photo © Francesca Turchi
  • il Palazzo dell’Orologio, dove una delle torri – la cosiddetta Torre della Fame – è famosa per aver tenuto prigioniero il conte Ugolino della Gherardesca alla fine del XIII secolo, citato da Dante Alighieri nel XXXIII Canto dell’Inferno della Divina Commedia. 
Pisa cosa vedere
Photo © Francesca Turchi
  • la Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri, progettata anch’essa dal Vasari e situata dall’altro lato di Piazza dei Cavalieri. La facciata della chiesa è in marmo bianco di Carrara con pianta quadrangolare a navata unica. L’ingresso è gratuito.
Pisa cosa vedere
Photo © Francesca Turchi

Piazza dei Miracoli e la Torre pendente

Da Piazza dei Cavalieri potete finalmente arrivare in Piazza dei Miracoli accedendo da via dei Mille e da via Santa Maria. Lungo questo tratto di strada, se vi interessa, potete visitare anche l’Orto Botanico di Pisa, il primo orto botanico universitario del mondo.

Ed eccoci finalmente arrivati nel cuore di Pisa: Piazza dei Miracoli. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 1987, questa piazza è sempre stata un importante centro religioso ed è costituita da tre complessi che simboleggiano le tre principali tappe della vita di ogni uomo: il Battistero di Pisa (la nascita), la Cattedrale di Santa Maria Assunta (la vita) e il Camposanto Monumentale (la morte).

A questi monumenti si aggiungono il Museo delle Sinopie, l’Opera del Duomo e il campanile del Duomo ossia la celebre Torre pendente. Ma Pisa non è “solo” la torre e pertanto vi invito ad esplorare l’intera piazza.

cattedrale pisa
Photo © Francesca Turchi

L’ingresso a tutti i monumenti di Piazza dei Miracoli a Pisa è a pagamento (tranne l’ingresso alla Cattedrale che è gratuito). Per visitare una o più attrazioni esistono dei pacchetti per l’ingresso a più monumenti a scelta tra il Battistero, il Camposanto, il Museo delle Sinopie e il Palazzo dell’Opera del Duomo.

La Torre di Pisa ha invece un costo unico e un biglietto dedicato.
Se vi piacerebbe salire sulla Torre di Pisa vi invito a leggere questo articolo mentre se non sapevate che a Pisa si trovano ben 3 torri pendenti leggete anche quest’altro articolo.

torre di pisa
Photo © Francesca Turchi

E la sera? Come saprete Pisa è una città universitaria e durante tutto l’anno – fatta eccezione del mese luglio/agosto in cui gli studenti tornano a casa – è sempre gremita di giovani e di conseguenza locali ed eventi in città non mancano mai.

Una zona consigliata per cena, o per fare un aperitivo a Pisa, è Piazza delle vettovaglie o le vicine Piazza Garibaldi e Piazza della Berlina con numerosi pub e localini sempre frequentati da studenti ma non solo. Cliccando qui trovate un articolo dove ho raccolto tutti i locali di Pisa tra cui bar, pub, localini all’aperto, discoteche, piazze e punti di ritrovo.

Se invece siete degli appassionati di teatro controllate se al Teatro Verdi di Pisa è in programma qualche opera interessante. Il teatro si trova in pieno centro a pochi passi dal Lungarno e da Piazza Garibaldi.

Cosa vedere a Pisa – 2° giorno

Se durante la prima giornata a Pisa avete visitato gran parte del centro storico della città e tutti i monumenti più importanti, la seconda giornata la potreste dedicare alla visita di uno o più dei seguenti luoghi, anch’essi situati in centro città.

Palazzo BLU

Come anticipato, Palazzo Blu è un palazzo di colore blu che si trova sul Lungarno Gambacorti e ospita le più importanti mostre temporanee a Pisa. Dalla sua apertura nel 2009 ad oggi ha ospitato numerose mostre tra cui Chagall, Mirò, Picasso, Warhol e molti altri. Controllate il calendario delle mostre in corso sul sito ufficiale.

picasso Les demoiselles d'Avignon

Museo Nazionale di San Matteo

Il Museo Nazionale di San Matteo a Pisa, situato anch’esso sui lungarni pisani (nella piazzetta di San Matteo in Soarta sul Lungarno Mediceo), ospita una delle collezioni di opere religiose più importanti d’Italia dal XII al XV secolo composta da ceramiche, dipinti, sculture e croci lignee dipinte di un valore inestimabile. Una delle sculture più famose è La Madonna del Latte di Andrea Pisano. L’ingresso al museo è a pagamento.

Museo Nazionale di Palazzo Reale

Situato sul Lungarno Pacinotti all’interno del magnifico Palazzo Mediceo progettato dal Buontalenti, il Museo di Palazzo Reale a Pisa un tempo è stato residenza cittadina dei Granduchi di Toscana (Medici e Lorena) dal XVI al XIX secolo e dei Savoia tra il XIX e il XX secolo. Oggi il Museo Nazionale di Palazzo Reale è sede della Soprintendenza ai Beni Artistici e Culturali della Provincia di Pisa e ospita una galleria ricca di opere d’arte, dipinti, arredi, arazzi e armature appartenenti alle illustri famiglie che vi hanno abitato.

Cantiere delle Navi Antiche e Museo delle Navi Antiche

Il Cantiere delle Navi Antiche è un progetto di scavo e restauro delle antiche navi di Pisa aperto nel 1998 dopo la scoperta, durante i lavori vicino alla stazione ferroviaria di Pisa-San Rossore, di circa 30 imbarcazioni di epoca romana con i rispettivi carichi.

Il cantiere è stato riaperto nel 2016 per consentire le visite guidate e nel 2019 è stato allestito un vero e proprio Museo delle Navi Antiche di Pisa, situato su Lungarno Simonelli a pochi passi dal Museo di Palazzo Reale. Al suo interno sono esposte le navi di età romana e i reperti rinvenuti e restaurati nel cantiere.

Cantiere Navi Antiche Pisa
Photo © Francesca Turchi

Camminare sulle antiche mura di Pisa

Sapevate che a Pisa è possibile camminare sulle antiche mura cittadine?
Proprio così: le mura di Pisa sono state inaugurate al pubblico nel 2018. La cinta muraria, realizzata tra il 1155 e il 1162 d.C. e ancora intatta per una buona parte, è ora percorribile e consente di avere un punto di vista unico e particolare della città. Per saperne di più vi invito a leggere questo articolo.

mura di pisa
Photo © Francesca Turchi

Cosa vedere a Pisa e dintorni

Tra le cose da fare a Pisa in un weekend ci sono anche altri luoghi, che vi riporto di seguito, situati a pochi km dal centro di Pisa e facilmente raggiungibili in auto, coi mezzi pubblici o noleggiando una bicicletta su bikesharing Ciclopi.

Ecco le principali cose da vedere a Pisa e dintorni:

marina di pisa
Photo © Francesca Turchi

Dove mangiare a Pisa

Ho molti consigli per voi su dove mangiare a Pisa.
Innanzitutto parto col dire di tenervi lontani da Piazza dei Miracoli dove si trovano molti ristoranti ma anche molti menù turistici vista la vicinanza alla Torre pendente. Un’eccezione a questa regola è il Ristorante La Torre in via Santa Maria 86 che conosco e frequento regolarmente in cui si mangia benissimo. Un altro posto consigliato se vi trovate in zona torre è l’Antica Trattoria Da Bruno, ristorante storico che propone molti piatti della tradizione pisana.

pappa al pomodoro
Photo © Francesca Turchi

Se cercate un posto dove mangiare cucina tipica pisana vi suggerisco di leggere questo articolo sui piatti tipici di Pisa e scegliere uno dei ristoranti indicati. Per un buon panino a Pisa il consiglio indiscusso è Il Crudo, anch’esso in Piazza della Berlina. Se invece volete fare un pasto veloce ma tipico andate da Il Montino in Vicolo Monte 1, una traversa di Borgo Stretto in pieno centro: qui dovete assaggiare la cecina ossia una farinata di ceci che solitamente si mangia con la focaccia (a Pisa la chiamiamo “schiacciata”).

Dove dormire a Pisa

State cercando un hotel a Pisa?
Per la scelta di un albergo dove dormire è sempre valido Booking.com per vedere se ci sono delle buone offerte. Inoltre vi suggerisco due alberghi in pieno centro: l’Hotel La Pace, a due passi dalla stazione centrale di Pisa, e l’Hotel della Spina, anch’esso vicino dalla stazione e a Piazza Guerrazzi. Se invece amate l’esperienza del B&B vi consiglio il Bed & Breakfast I Limoni in zona Ospedale di Cisanello, a due passi dal CNR, e il Bed & Breakfast Le Carabattole a Vicopisano.

Booking.com

Dove parcheggiare a Pisa

Ultimo consiglio per voi: se arrivate a Pisa in auto leggete questo articolo su dove parcheggiare a Pisa.

Vi è piaciuto questo itinerario di Pisa in un weekend?
Spero che questo tour guidato alla scoperta di cosa vedere a Pisa vi sia utile per organizzare al meglio la vostra visita in uno o due giorni nella mia amata città.

Vi aspetto a Pisa!

Cosa vedere a Pisa: itinerario di un weekend ultima modifica: 2020-06-12T11:02:00+02:00 da Francesca Turchi
Ti è piaciuto questo post? Condividilo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti

  1. Gibipi

    Ci vediamo per una focaccia con cecìna al Montino?